SCORGERE LA VERITÀ' E LA DIGNITÀ' DELL'UOMO SOLO ATTRAVERSO LA VERITÀ' DIVENIAMO LIBERI, E SOLO LA LIBERTÀ' CI RENDE INCONDIZIONATAMENTE PRONTI ALLA VERITÀ'




Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).







 


 


 




 


 


 











lunedì 6 luglio 2009

Isola delle Femmine: Elezioni Amministrative Come la pensiamo

COSA BOLLE IN PENTOLA? albo pretorio isola delle femmine
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/07/determine-e-delibere-12-luglio-2009.html



ATO RIFIUTI GESTIONE COSTI E DEBITI
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/05/ato-rifiuti-gestione-costi-e-debiti.html


TURISTI A ISOLA DELLE FEMMINE
http://isolapulita.blogspot.com/2009/07/raccogliamo-e-facciamo-nostro-lappello.html#links

NASCE L'ATO DELL'ACQUA DEL PALERMITANO
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/07/nasce-l-dell-del-palermitano_10.html

Nuove speranze nella cura alle malattie del sangue
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/07/nuove-speranze-nella-cura-alle-malattie.html



TERRIBILE INCIDENTE FERROVIARIO A VIAREGGIO
http://iltimone.blogspot.com/2009/06/terribile-incidente-ferroviario.html

LOMBARDO FORMA LA NUOVA GIUNTA
http://isoladellefemminedaliberare.blogspot.com/2009/07/lombardo-forma-la-nuova-giunta.html

NINO RUBINO A TELEJATO FENOMENO MAFIOSO A ISOLA?
http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2009/07/isola-delle-femmine-elezioni.html


Nino Rubino: Elezioni Amministrative Come la pensiamo
http://isoladellefemminelibera.blogspot.com/2009/07/isola-delle-femmine-elezioni.html


Stefano Bologna: LE PAROLE SONO PIETRE
http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/06/oggi-10-giugno-alle-1310-due-funzionari.html



Pino Rubino:LIBERE ELEZIONI A ISOLA DELLE FEMMINE?
http://disertiamoleurneaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/07/ce-la-faremo-uploaded-by-isolapulita.html

Isola delle Femmine: Rdar meteo o acquario marino?
http://isoladifuori.blogspot.com/2009/07/isola-delle-femmine-radr-meteo-o.html









Isola delle Femmine: Elezioni Amministrative Come la pensiamo



Io sottoscritto Antonino Rubino, candidato Sindaco della lista Insieme per il Rinnovamento, sento forte il dovere di ringraziare tutti coloro che, con me, hanno lavorato e sperato di poter contribuire a migliorare Isola delle Femmine.


Per anni, per mesi, giorno e notte, giovani e meno giovani si sono impegnati spontaneamente, mossi da un unico interesse: isolare gli affaristi che come avvoltoi continuano a gravitare sopra di noi, determinando le sorti politiche ed economiche del paese, grazie anche a tutte quelle persone che svendono la propria volontà.


Un grazie di cuore poi a tutti coloro che ci hanno supportato ed incoraggiato e che continuano a farlo soprattutto in questo momento difficile per noi.


Da buon sportivo avevo considerato anche l’ipotesi di non essere sostenuto da tutto il paese, ma come uomo e cittadino mi sento spiazzato da quei concittadini che ancora una volta sono stati coerenti solo nel dimostrare che non conoscono altri interessi al di là dei propri.


Abbiamo dimostrato di esser la squadra più coesa, non incline ai compromessi. Ci rendiamo conto di aver fatto paura, tanta paura, e per questo motivo sono scesi in campo i POTERI FORTI che hanno effettuato un’ingegna operazione chirurgica ai nostri danni, togliendo chissà in quale modo, i voti dei nostri candidati più forti indirizzandoli verso altre liste.


L’unico gruppo che più volte, apertamente, ha gridato che non li avrebbe garantiti, che ha rifiutato i loro finanziamenti, che ha rifiutato l’inserimento nella propria lista di candidati fantoccio, è stato tenuto lontano dalla vita amministrativa di Isola delle Femmine.


E’ stato messo in campo il potere economico, il potere del più forte verso il più debole; è stato dimostrato, in modo violento, che il sistema decide chi deve amministrare, chi deve andare all’opposizione e chi, addirittura, deve rimanere fuori.


E’ stato deciso di dare uno schiaffo morale a tutta la cittadinanza per affermare il loro potere.


Se la cittadinanza non trova la forza di prendere coscienza che Isola delle Femmine non è un’isola felice è che è presente il fenomeno mafioso, allora questa collettività non sarà mai libera e i propri figli continueranno a subire pesanti umiliazioni.


Credo emblematico che un perfetto sconosciuto, alla prima candidatura, senza parenti e amici ma nipote di una persona che si autodefinisce determinante per le sorti politiche-economiche del paese, riesca ad ottenere 237 preferenze ed essere il primo eletto nella lista vincente alle ultime amministrative.


Questa è un’anomalia che hanno notato tutti i cittadini e che per le strade viene discussa e affrontata.


Tutti si chiedono “Perché?”, “Come è possibile?”.


Spero che queste domande se le sia fatte anche chi è preposto dallo Stato a farsela, Spero che chi è stato allertato senta forte il dovere di analizzare questi fenomeni e dare delle risposte a tutta la cittadinanza. Altrimenti siamo senza speranza.


Cittadini, anche se in questo momento io e tutto il mio gruppo ci sentiamo amareggiati e spiazzati dal risultato delle urne, possiamo sicuramente promettervi che continueremo ad essere presenti. Nessuno si illuda di poter fare quello che vuole per garantire i benefattori a discapito della gente onesta e giusta.


Ancora una volta chiediamo l’aiuto della gente libera, delle persone che non abbassano la testa e che sono disposti a lottare per un collettività libera. Veramente libera.


Il lavoro del gruppo Insieme per il Rinnovamento continua con maggiore coscienza e responsabilità. E’ necessario informare i cittadini su cosa ha determinato il risultato delle urne. E’ necessario dare un punto di riferimento al malumore che serpeggia per le strade di Isola delle Femmine e denunciare pubblicamente l’illegalità e il malaffare.


Speriamo che gli organi istituzionali siano diposti a fare la loro parte indagando e facendo luce su tutte quelle situazioni poco chiare.


Se ci fermiamo, se smettiamo di lavorare al programma, se non informiamo la collettività, se abbandoniamo le speranze dei cittadini liberi, allora alla prossima competizione elettorale i poteri forti, esercitando la propria pressione, continueranno a comandare e tutto il resto servirà da comparsa solo per mascherare questa silenziosa realtà.



Antonino Rubino e il Gruppo Insieme per il Rinnovamento






Le parole sono pietre (Carlo levi)


Lo scorso 8 giugno abbiamo inconsapevolmente celebrato il funerale della democrazia a Isola delle Femmine: Il risultato elettorale che si è via via profilato durante lo spoglio, ha chiarito come il denaro abbia evidentemente falsato e orientato il consenso dei cittadini isolani.


Il moltiplicarsi dei provvedimenti amministrativi di favore emessi dalla giunta Portobello nei giorni immediatamente anteriori al voto, le assunzioni concretizzartesi per pure finalità elettorali, gli interventi di manutenzione ordinaria realizzati straordinariamente poche ore prima di entrare nell’urna, le centinaia di migliaia di euro viaggianti per le strade di Isola – abilmente mosse da una squadra di costruttori di consenso a prezzi di mercato – hanno decretato la decadenza morale e politica della comunità isolana.


Nel progetto Isola hanno trovato rifugio lupi ed agnelli –atei, santi e miscredenti – mafia e antimafia – guardie e ladri – ambientalisti e cementificatori – neri, bianchi, rossi, verdi e verdoni – il tutto miracolosamente cementato da un coacervo di interessi privati, personali, familiari e tribali.


Isola delle Femmine non può dirsi rappresentata da chi ha estorto il consenso con le armi del ricatto occupazionale, economico, psicologico. L’operato della giunta Portobello 2004-2009 è stato di fatto nullo, la campagna elettorale del Progetto isola priva di contenuti dialettici, i candidati di punta perfetti sconosciuti, la ragione conduce ad un’unica ovvia conclusione: a vincere è stato il partito del mattone.


Non i pescatori, non gli studenti, non le famiglie, non gli operai, non gli isolani d’adozione, non i disoccupati, non gli anziani: nessuno oggi si sente responsabile del risultato dell’8 giugno e nessuno vuole la paternità di un simile misfatto. Del resto i 1700 elettori del Progetto Isola non hanno espresso un voto, hanno firmato una cambiale.


Le nostre affermazioni non sono la reazione a caldo di un gruppo sconfitto, le nostre denunce non sono un messaggio provocatorio, la virulenza dei nostri messaggi è figlia dello sdegno e dello scandalo che avete suscitato in tutti i cittadini liberi.


La vostra non è una vittoria che vi dà onore, è la vostra resa alla paura di perdere la poltrona, con tutti i suoi privilegi e le sue garanzie: dei risultati dell’8 giugno non potete rimngraziare la gente, potete solo ringraziare il denaro. Che per inciso non era neppure vostro. E nessuno può dare copertura morale e legale a quel che avete fatto.


Assicuriamo agli isolani l’impegno per un’opposizione libera, coraggiosa, determinata, ceh ripudia le logiche del compromesso: continueremo a opporci ad ogni tentativo di violazione dei diritti dei cittadini e di utilizzo privatistico dell’amministrazione pubblica.


Portobello-Aiello non possono intimarci di tacere: se non parlassimo noi, urlerebbero le pietre.



Stefano Bologna


Isola delle Femmine



http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/06/oggi-10-giugno-alle-1310-due-funzionari.html




Siamo in attesa di una dichiarazione da parte del Professore Gaspare Portobello sull'esito del risultato delle elezioni amministrative di isola delle Femmine






Riceviamo e pubblichiamo

8 Giugno 2009 Isola delle Femmine



Dalle urne per il rinnovo dell'AmministrazioneComunale e del Sindaco esce un risultato che ha dell'incredibile: viene eletta l'Amministrazione Portobello con Lui Sindaco; ma come mai?


Questa è la domanda che a distanza di 20 giorni tutti o quasi i cittadini si pongono.

Per cinque anni non c'è stato un solo cittadino che non si sia lamentato per come Portobello e la sua giunta ha lavorato.

Quali erano le critiche ricorrenti dei cittadini?

Il paese è sporco, la raccolta dei rifiuti è inesistente, assente per le opere pubbliche, assente per le problematiche giovanili, assente per lo sport, assente per il decoro urbanistico, praticamente abbiamo un'Amministrazione ASSENTE su tutto.

Chiaro ed esplicito erano i giudizi ed il non consenso dei Cittadini di Isola delle Femmine:

Portobello e la sua giunta ha fatto il suo tempo.

OGGI tutti si chiedono: Cosa è successo?

E' successo che Portobello ha ricevuto un miracolo ( e sappiamo da chi lo ha ricevuto) e tutto quello che non ti aspetti è ACCADUTO.

A Isola non basta lavorare per cinque anni denunciando fatti e misfatti: se non denunci l'innefficienza di un'Amminsitrazione inesistente, se cerchi di dialogare con i cittadini per poi lavorare siu di un programma, un progetto per rinnovare le ideee, i valori e l'interesse del paese, tutto questo non basta; basta avere alle spalle un mago con la bacchetta magica, o Paperon de Paperoni, e il gioco è fatto.

Ma il rammarico più grande è l'indifferenza della gente l'accettare il tutto come una sorta di fatalismo; vedere che tutti ne parlano a bassa voce e non avre il coraggio di GRIDARLO e doire BASTA a questo tipo di dittatura che si crea a Isola ogni CINQUE anni.

Di avere il coraggio di dire BASTA a quelle poche persone che con il loro potere economico, e non solo, decidono quali persone devono amministrare il paese, sapendo che poi verranno ripagati in favori e concessioni di vario tipo e non pensando che Isola e i suoi cittadini riimangono fermi rispetto ad altri paesi, ma l'importante che non rimanga fermo il loro conto in banca.

Su tutto questo i cittadini devono riflettere, devono dire basta all'Amministrazione apatica, basta ad una DITTATURA ELETTORALE, bisogna ritornare liberi di esprimersi, di esternare le proprie idee, liberi di farsi amministrare da persone con dei programmi, progetti e non da persone che pur non avendo programmi n[ progetti, che non avendo vita sociale ad Isola, si ritrovano a fare il Vice Sindaco solo perch[ avendo parenti facoltosi si ritrovano pieni di voti.

I regali finiscono, le bollette pagate finiscono, gli affitti di casa finiscono, ma soprattutto la dignit" finisce.

Il paese rimane sporco, i problemi rimangono e cosi facendo fra cinque anni, sara la stessa cosa.


Cittadini alziamo la testa e riflettiamo se tutto questo è giusto


Pino Rubino


articolo che trova la nostra completa condivisione
Brogli alle elezioni comunali Tutto da rifare, si riparte a ottobre

Tutto da rifare. Il processo sui presunti brogli alle elezioni comunali di Palermo del 2007 deve ricominciare dall’inizio. Stamane il gup del tribunale di Palermo, Ettorina Contino, ha accertato un vizio di procedura che azzera il contatore e dà appuntamento al prossimo ottobre. Il processo, che si celebra con rito abbreviato, vede imputati sei presidenti di seggio che avrebbero manomesso grossolanamente le schede elettorali.
La questione nasce dall’istanza di costituzione di parte civile da parte di due cittadini palermitani. Secondo la legge del 1960, per questo tipo di reato, possono ritenersi parte lesa tutti gli elettori del comune di Palermo, per cui il Municipio deve dare avviso della possibilità attraverso pubblici proclami: pubblicazioni sui giornali e sulla gazzetta ufficiali e altre forme di pubblicità. Ciò non è avvenuto per cui il processo è stato dichiarato nullo.
Ma se la legge in questione consente ai cittadini di essere considerati parte lesa, d’altra parte accorcia il periodo di prescrizione a due o tre anni. Va da sé che, paradossalmente, più cittadini chiederanno la costituzione di parte civile, più i tempi del processo si allungheranno avvicinandosi alla prescrizione.

Nessun commento: