SCORGERE LA VERITÀ' E LA DIGNITÀ' DELL'UOMO SOLO ATTRAVERSO LA VERITÀ' DIVENIAMO LIBERI, E SOLO LA LIBERTÀ' CI RENDE INCONDIZIONATAMENTE PRONTI ALLA VERITÀ'




Con il termine mafia si intende un sistema di potere esercitato attraverso l’uso della violenza e dell’intimidazione per il controllo del territorio, di commerci illegali e di attività economiche e imprenditoriali; è un potere che si presenta come alternativo a quello legittimo fondato sulle leggi e rappresentato dallo Stato.


Un sistema di contro-potere dunque (a volte chiamato anti-Stato proprio per questa sua caratteristica), con una gestione gerarchica e verticistica, basata su regole interne a loro volta fondate sull’uso della violenza e dell’intimidazione.


È questa la vostra politica? Se avete un minimo di cervello usate gli attributi per un confronto Sui programmi. Ma vedo che alla fine usate i soliti mezzucci utilizzando i soliti servi sciocchi meschini e accattoni per cercare di fermare le persone.
Bene sappiate che io vado avanti lo stesso a testa alta e con schiena dritta e che voi siete sot
tocontrollo.



"Bisogna sempre avere il coraggio delle proprie idee e non temere le conseguenze perché l’uomo è libero solo quando può esprimere il proprio pensiero senza piegarsi ai condizionamenti " (Charlie Chaplin).







 


 


 




 


 


 











martedì 20 gennaio 2015

Piano Regione Sicilia Tutela Qualità Aria: TANGENTI E RIFIUTI, IL PROCESSO LA REGIONE GRANDE...

TANGENTI E RIFIUTI, IL
PROCESSO  LA REGIONE GRANDE ASSENTE



Gennaio 2015 - 18:03 di Riccardo Lo Verso


La
Regione Siciliana e il governatore Crocetta non sono costituti parte civile al
processo che vede imputati Gianfranco Cannova (nella foto), funzionario
dell'assessorato al Territorio e ambiente, e 4 imprenditori. Sono tutti
accusati di corruzione.


architetto Cannova Gianfranco Assessorato Territorio Ambiente Regione Sicilia


PALERMO - C'è un tempo per le
conferenze STAMPA e gli
annunci. E c'è un tempo in cui alle parole possono seguire i fatti. Oggi
la Regione e il suo governo hanno perso l'occasione per un gesto concreto. Non
si sono costituti parte civile, tramite l'Avvocatura dello Stato, al processo
che vede imputati Gianfranco Cannova, funzionario dell'assessorato regionale
Territorio Ambiente, e quattro imprenditori. Sono tutti accusati di corruzione.




Cannova
avrebbe intascato mazzette in cambio di agevolazioni nel rilascio di
autorizzazioni per lo smaltimento dei rifiuti.
 Oltre al presunto
dipendente infedele sotto accusa ci sono Giuseppe Antonioli, amministratore
delegato della discarica di Mazzarrà Sant'Andrea, nel Messinese, Domenico
Proto, titolare della discarica, i fratelli Calogero e Nicolò Sodano,
proprietari della Soambiente di Agrigento.




Oggi il processo ha preso il via. Si è costituito parte civile il Comune
di Motta Sant'Anastasia. Respinta, invece, la RICHIESTA del Comune di Misterbianco e
di due associazione onlus: “Centro per i diritti del CITTADINO” e “Codici
Sicilia”. La grande assente era la Regione che, in soldoni, non potrà chiedere
i danni qualora gli imputati venissero condannati al termine del dibattimento.



Il funzionario palermitano, nel CORSO di
un interrogatorio, ammise di avere intascato tangenti per facilitare le
pratiche degli imprenditori. Bastava pagare per evitare i controlli
nelle discariche e le possibili chiusure. Il prezzo della corruzione sarebbero
stati migliaia di euro in contanti - diecimila euro o forse più - televisori
ultramoderni e soggiorni in alberghi di lusso. Fatti gravi tanto che oggi il
Tribunale ha respinto la RICHIESTA di
Cannova che avrebbe voluto patteggiare quattro anni di carcere.




Fatti gravi COME sottolineò
lo stesso governatore Rosario Crocetta,
nel corso di una conferenza stampa pochi giorni dopo il blitz: "Il caso
Cannova? Potrebbe essere solo l'inizio. Stiamo vagliando l'ipotesi della
confisca o dell'esproprio per pubblica utilità delle discariche private"
.
Ed ancora: "Da quando c'è questa AMMINISTRAZIONE, però, non
ci sono più coperchi. Forse, quando siamo intervenuti con le rotazioni,
dovevamo essere più incisivi ancora. La frequenza di queste inchieste mi fanno
pensare: altro che tangentopoli... . Dopo la Formazione, il Ciapi, i Beni
culturali, la sanità...".



Sono TUTTI temi
caldissimi, diventati materia dei dossier consegnati in questi mesi da
Crocetta in Procura per denunciare il malaffare che si annida nella
pubblica AMMINISTRAZIONEregionale. Un via vai negli uffici
giudiziari, quello del governatore. Per raggiungere le stanze dei procuratori
Crocetta è transitato a pochi metri dala stessa aula dove oggi la Regione e il
suo governo erano i grandi assenti.




Assenza reiterata, per la verità. La REGIONE avrebbe potuto costituirsi
parte civile già quattro mesi in sede di udienza preliminare quando
Cannova e gli altri furono rinviati a giudizio sulla base della richiesta della
Procura. Una richiesta che indicava la Regione siciliana come parte offesa del
processo. La stessa Regione, grande assente del processo.


magnafranco 19-01-2015 - 18:15:53
la REGIONE avrebbe dovuto dare mandato
per costituirsi parte civile e chiedere i danni che sono derivati dal
comportamento infedele ed a delinquere del cannavo, ma evidentemente la magistratura
deve ancora scavare a fondo, perchè non si costituisce parte civile e il solo
funzionario avrebbe potuto ordire a tutto quanto accaduto. chi stà coprendo
cannavo', sicuramente gli avranno promesso indulgenza e quindi occorre fargli
dire quello che sa' e come si svolgevano i fatti realmente.

rabbit 19-01-2015 - 19:38:47
Concordo, certamente da solo il funzionario non poteva
gestire i rilasci di queste delicate e complesse autorizzazioni e il non
costituirsi parte civile da parte della REGIONE è uno scandalo nello
scandalo. ECCO perché il cannova non ha mai
fatto nomi ma si è limitato solamente a riconoscere le proprie responsabilità,
forse ha avuto fatta qualche promessa. Che buffoni!!!

Cico (l'originale) 19-01-2015 - 18:33:29
La Regione avrebbe dovuto costituirsi parte civile per un
danno di qualche decina di migliaia di euro nei confronti di un suo dipendente
infedele? Ma se non lo ha mai fatto contro suoi ex deputati, ex assessori ed ex
presidenti per danni praticamente incalcolabili?

lux 19-01-2015 - 18:58:34
COME siete malpensanti su
scurdaru !!!!!!

dani 19-01-2015 - 19:31:44
Solo una PAROLA ripetuta tre volte: vergogna
vergogna vergogna

marco68 19-01-2015 - 20:48:00
Trovata la spiegazione: in tema di balli sud-americani
Cannova non balla la samba di Pappagone, ma solo il tango col casquè, quindi
forse è per questo che Pappagone non si è costituito. A parte gli scherzi, ma
l'assessore-avvocato Caleca, che ha licenziato un funzionario che intascava
tangenti, che ci dice di QUESTA disparità di trattamento,
ovvero di questa vergogna pappagoniana e della giunta di cui è componente?

dipende 19-01-2015 - 20:49:29
Cari siciliani, dovete capire che costituirsi parte civile
non fa odiens, quindi perche perderci TEMPO. Ormai siamo all'isola dei
famosi, quindi se non tira al presidente ed ai suoi cuccioli (dirigenti generali
ed assessori) non conta. Che schifo... ma ormai visto che fanno schifo sempre
neanche li tocca un aggettivo del genere.

Pippo BIANCO 19-01-2015 - 20:53:55
Hanno paura che racconti TUTTO il magna magna dei
burattinai del governo crocetta...e se lo provocano può far saltare il governo.

Argo 19-01-2015 - 21:59:21
Concordo appieno.

antimafia a gogo' 19-01-2015 - 23:22:38
Caro Lo Verso, indaga indaga che andrai lontano....... tanto
da qualcun ALTRO
v:shapes="_x0000_i1044">
 che avrebbe l'obbligo di
indagare......

non ci possiamo aspettare nulla........

GIUSEPPE' v:shapes="_x0000_i1045">
 Maritati 20-01-2015 - 11:58:37
Si va facendo sempre più tormentato e incomprensibile il
cammino del governo regionale che non riesce a compiere un solo passo partendo
dalle sue eccellenti risorse naturali e umane. Il presidente Crocetta prima
concede una proroga ai termini di SCADENZAdegli ATO
confermandoli fino a giugno. Poi non si costituisce parte vivile nel processo
dove è imputato di corruzione il funzionario pubblico che distribuiva permessi
a suo piacimento personale. Mi sembrano due decisioni, prese in questo
difficile momento, che lungi dal contrastare poteri e interessi criminali, li
alimenta e li ravviva.

scettico 20-01-2015 - 12:03:50
Il nostro caro Presidente non manca di stupirci, lui che si
vanta di essere un paladino della legalità e poi al MOMENTO
v:shapes="_x0000_i1047">
 di dimostrarlo si nasconde.

Vergogna anzichè ANDARE' v:shapes="_x0000_i1048">
 in procura vattene a casa per il bene di chi lo ha
votato.

hiro 20-01-2015 - 16:07:00
Inquietante il comportamento del governo.
o                                                       
 




Mazzette e rifiuti alla Regione  Territorio, funzionario
a giudizio

08 Ottobre 2014


Gianfranco Cannova avrebbe
intascato mazzette in cambio di agevolazioni nel rilascio di autorizzazioni per
lo smaltimento dei rifiuti. Il processo al via il 15 gennaio. Con lui a
giudizio anche 4 imprenditori.

PALERMO - Il gup di
Palermo ha rinviato a giudizio un funzionario dell'assessorato regionale
Territorio Ambiente, Gianfranco Cannova, e quattro imprenditori.
 Sono tutti accusati di
corruzione. Cannova avrebbe intascato mazzette in cambio di agevolazioni nel
rilascio di autorizzazioni per lo smaltimento dei rifiuti. Oltre a Cannova,
andranno a giudizio, il 15 gennaio davanti alla terza sezione del Tribunale,
Giuseppe Antonioli, amministratore delegato della discarica di Mazzarrà
Sant'Andrea (Me), Domenico Proto, titolare della discarica, i fratelli Calogero
e Nicolò Sodano, proprietari della discarica Soambiente di Agrigento.

Secondo l'accusa,
sostenuta dal sostituto procuratore Alessandro Picchi,
 il funzionario avrebbe
agevolato gli imprenditori preservandoli dall'ordinaria attività di controllo e
monitoraggio imposte a chi gestisce le discariche e previste per lo smaltimento
dei rifiuti e avrebbe consentito loro di bypassare indenni tutti i controlli. Tutti
i personaggi coinvolti vennero arrestati a luglio. (ANSA).

"Mazzette dagli
imprenditori"  Chiesto il giudizio per Cannova
18
Settembre 2014


L'indagine sulle
autorizzazioni per lo smaltimento dei rifiuti. Chiesto il processo, oltre che
per il funzionario della Regione, anche per Giuseppe Antonioli, Domenico Proto
e i fratelli Calogero e Nicolò Sodano.

PALERMO - La Procura di
Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio di un funzionario dell'assessorato
regionale Territorio Ambiente, Gianfranco Cannova, e di quattro imprenditori.
 Sono tutti accusati di
corruzione. Cannova avrebbe intascato mazzette in cambio di agevolazioni nel
rilascio di autorizzazioni per lo smaltimento dei rifiuti. L'indagine, iniziata
nel 2011 e durata due anni, e' stata condotta dalla polizia di Palermo e
Agrigento avendo coinvolta anche due imprenditori agrigentini. Oltre a Cannova,
il processo è stato chiesto per Giuseppe Antonioli, amministratore delegato
della discarica di Mazzarra' Sant'Andrea (Me), Domenico Proto, titolare della
discarica, i fratelli Calogero e Nicolo' Sodano, proprietari della discarica
Soambiente di Agrigento.

Anche muovendosi nel
complicato groviglio delle procedure amministrative, il funzionario avrebbe
agevolato gli imprenditori preservandoli dall'ordinaria attività di controllo e
monitoraggio imposte a chi gestisce le discariche e previste per lo smaltimento
dei rifiuti e avrebbe consentito loro di bypassare indenni tutti i controlli.
Tutti i personaggi coinvolti vennero arrestati a luglio. Secondo le indagini i
titolari di grossi impianti di smaltimento avrebbero pagato svariate migliaia
di euro per ottenere i favori di Cannova. Ma non solo. Al funzionario infedele
sarebbero state messe a disposizioni escort, viaggi e impianti televisivi da
oltre 17 mila euro.

http://m.livesicilia.it/2014/09/18/mazzette-dagli-imprenditori-dei-rifiuti-chiesto-il-giudizio-per-cannova_540186/



Tangenti e rifiuti, il processo La Regione grande assente - Live Sicilia





Operazione Terra mia, Motta parte civile
«Per tutelare interessi e immagine del Comune»

CRONACA Tra pochi giorni, il 15 gennaio, partirà il processo che mette sotto accusa un dipendente regionale dell'assessorato Territorio e ambiente e i dirigenti di tre discariche in tutta la Sicilia. Tra queste anche quella di proprietà della Oikos spa, nel territorio mottese. La giunta guidata dal primo cittadino Carrà nominerà con provvedimento urgente un legale per tutelare la cittadina

Motta Sant'Anastasia si costituirà parte civile nel procedimento scaturito dall'operazione Terra mia. L'inchiesta della procura della Repubblica di Palermo, resa nota lo scorso luglio, ha messo in luce un sistema di presunte corruzioni nella gestione delle discariche private in tutta la Sicilia. Nell'indagine è coinvolta la Oikos spa, azienda proprietaria della contestata discarica nel territorio mottese, da qui la decisione presa dalla giunta guidata dal primo cittadino Anastasio Carrà che mira a tutelare «gli interessi e l'immagine del Comune di Motta Sant'Anastasia». Come si legge nella delibera firmata lo scorso 2 gennaio, dal lavoro della procura «emergono, tra l'altro, inquietanti scenari in merito alle attività di gestione dei rifiuti nella discarica sita in territorio comunale e di cui è titolare la suddetta società». 
Secondo gli inquirenti palermitani, fulcro del meccanismo sarebbe stato Gianfranco Cannova (dipendente dell'assessorato regionale Territorio e ambiente) che avrebbe rilasciato autorizzazioni alle attività di diversi impianti senza i relativi controlli, accettando denaro, regali e viaggi, agevolando gli iter per gli impianti amici. Un eventuale quadro di corruzione preoccupante nel quale sarebbero coinvolti il proprietario della Oikos spa Domenico Proto, gli imprenditori Giuseppe Antonioli (amministratore della discarica di Mazzarrà Sant'Andrea, in provincia di Messina) e i fratelli Calogero(ex senatore della Casa delle libertà) e Nicolò Sodano, responsabili della Soambiente di Agrigento. 
Tutti gli indagati sono stati rinviati a giudizio e giovedì 15 gennaio compariranno davanti ai giudici del tribunale di Palermo. Così, quasi sei mesi dopo l'apertura del fascicolo e gli arresti domiciliari per Proto, i rappresentanti del Comune mottese propongono di «costituirsi parte civile nel procedimento penale scaturito dall'operazione», e - con provvedimento esecutivo, data l'urgenza - «dare mandato al sindaco di provvedere con propria determina a nominare il professionista di fiducia». Una mozione uguale, condivisa da tutta l'opposizione, era stata già approvata dal consiglio comunale a ridosso dello scandalo. Anche il sindaco del vicino Comune di MisterbiancoNino Di Guardo, negli infuocati giorni successivi, aveva annunciato la stessa misura. 

RIFIUTI E CORRUZIONE, ARRESTATO MIMMO
PROTO  IN MANETTE 4 IMPRENDITORI E UN FUNZIONARIO

CARMEN VALISANO 
CRONACA  L'operazione, denominata Terra mia, ha portato all'individuazione di un complesso sistema di procedure ambientali non seguite e controlli evitati grazie al presunto pagamento di tangenti. Coinvolti quattro titolari di discariche, tra i quali il proprietario dell'impianto di contrada Tiritì, a Motta Sant'Anastasia. Il dipendente regionale «rilasciava le autorizzazioni Aia e gestiva l’ufficio come suo feudo. Con gli imprenditori amici era prodigo di consigli anche per fregare l’amministrazione pubblica».


Un funzionario della Regione e quattro imprenditori legati alla gestione dei rifiuti sono stati arrestati stamattina dagli uomini della squadra mobile di Palermo. Tra loro spicca il nome di Domenico Proto, titolare della Oikos spa, la ditta proprietaria del mega-impianto di contrada Tiritì-Valanghe d'inverno. Secondo le accuse, Gianfranco Cannova (dipendente dell'assessorato regionale Territorio e ambiente) avrebbe avuto un ruolo nella gestione delle procedure più importanti, quelle legate al rilascio delle autorizzazioni all'attività delle discariche. In cambio di regali e viaggi, avrebbe agevolato gli iter d evitato agli impianti amici controlli e monitoraggi ai quali avrebbero dovuto invece sottostare. Un quadro di corruzione definito dagli inquirenti molto grave nel quale sono coinvolti, oltre a Proto, gli imprenditori Giuseppe Antonioli (amministratore della discarica di Mazzarrà Sant'Andrea, in provincia di Messina) e i fratelli Calogero (ex senatore della Casa delle libertà) e Nicolò Sodano, responsabili della Soambiente di Agrigento.
L'operazione, denominata Terra mia, ha avuto inizio nel 2011 ed è durata oltre due anni. I titolati delle indagini hanno messo in rilievo come «questo settore amministrativo è caratterizzato da una stratificazione normativa e da uncomplesso e macchinoso apparato burocratico». Elementi che hanno facilitato l'azione contestata al presunto funzionario infedele. «La corruzione e i corrotti sono un rifiuto speciale e pericolosi - dichiara il procuratore aggiungo di Palermo Dino Petralia - L'imprenditore del Catanese (Domenico Proto, ndr) aveva bisogno di ampliare la discarica a tre milioni di metri cubi. Aveva bisogno dell'Autorizzazione integrata ambientale. Sembra che l'azione per ottenerla in modo illegale sia la regola». A lui fa eco il collega Leonardo Agueci: «Il funzionario regionale rilasciava le autorizzazioni Aia e gestiva l'ufficio come suo feudo. Con gli imprenditori amici era prodigo di consigli anche per fregare l'amministrazione pubblica». Nessuna remora di controlli. «Poteva svolgere una attività illecita con la massima disinvoltura».
Sia il sito di contrada Tiritì-Valanghe d'inverno che l'impianto messinese di Mazzarrà Sant'Andrea sono sotto inchiesta da parte della dirigenza regionale all'Ambiente per presunte violazioni compiute nella gestione dei rispettivi impianti. Un'inchiesta avviata qualche mese fa dall'ex assessore regionale Nicolò Marino. Soambiente gestisce i siti agrigentini di Siculiana econtrada Monserrato e a Noto (in provincia di Siracusa) quello di contrada Stallaini.
A poche ore dall'arresto di Proto, intanto, Confindustria Catania ha sospeso la ditta Oikos, interrompendo il suo rapporto con l'associazione. «Il provvedimento è stato adottato d'urgenza, in ottemperanza del codice etico di Confindustria, spiegano.
http://catania.meridionews.it/articolo/11522/rifiuti-e-corruzione-arrestato-mimmo-proto-in-manette-4-imprenditori-e-un-funzionario/
TIRITÌ, TRA CAMBI DI POLTRONE E
CONFIDUSTRIA  UNA SVOLTA SULLA DISCARICA DEI VELENI?

CARMEN VALISANO 
CRONACA Il pool di esperti inviato dall'ex assessore Nicolò Marino a verificare le condizioni degli impianti regionali ha sollevato pesanti dubbi sul sito di proprietà della Oikos. Irregolarità riscontrate sia nella struttura attiva da circa un anno che in quella ormai dichiarata esaurita. Ma i passi successivi alla relazione sono messi in dubbio dall'avvicendamento con Salvatore Calleri, considerato vicino agli ambienti dell'associazione di imprenditori che in Sicilia ha come vicepresidente Giuseppe Catanzaro. Proprietario della discarica più grande dell'isola
Un cambio di poltrone alla Regione, gli interessi di Confindustria su un settore strategico, un Comune alle prese con la campagna elettorale. E una discarica da 2,5 milioni di metri cubi a ridosso di due centri abitati che non smette di turbare i sonni di cittadini e politici. Siamo finalmente a una svolta nella questione dell'impianto della Oikos spa? La struttura di gestione dei rifiuti sorge nel Catanese, tra Motta Sant'Anastasia e Misterbianco. È notizia di ieri che Nicolò Marino, assessore regionale all'Ecologia, sarà sostituito alla guida dell'ente da Salvatore Calleri: renziano, presidente della fondazione dedicata ad Antonino Caponnetto (era uno dei suoi collaboratori) e considerato vicino agli ambienti di Confindustria. L'associazione - per bocca di uno dei suoi rappresentanti più influenti, Giuseppe Catanzaro - negli ultimi mesi ha avuto uno scontro durissimo con Marino. Terreno di battaglia, proprio i rifiuti. Il gruppo Catanzaro, infatti, gestisce la discarica di Siculiana, in provincia di Agrigento, e l'ex assessore ha lanciato pesanti accuse sui presunti intrecci con Cosa nostra scatenando una reazione fatta di querele e richieste di risarcimento milionarie.
Le irregolarità individuate dalla Regione nel sito catanese riguardano la tutela dell'ambiente e della salute e danno ragione ai cittadini che da tempo lamentano una serie di violazioni dal punto di vista ambientale. Paure che emergono sotto forma di un incessante e venefico odore che avvolge i due Comuni e che sembrano avere finalmente un riscontro ufficiale. Tutto comincia con la revisione, da parte dell'assessorato guidato ancora da Marino, delle autorizzazioni concesse agli operatori proprietari degli impianti nella regione. La Oikos è gestore di un sito oramai chiuso (in contrada Tiritì) e di uno entrato in funzione l'anno scorso nella contigua contrada Valanghe d'inverno per il quale è stato proposto «l'avvio del procedimento di diniego dell'istanza di rinnovo». Nella comunicazione inviata anche all'azienda della famiglia Proto, il dirigente regionale ricorda che il 17 gennaio 2014 «è stata costituita una commissione ispettiva per la verifica degli atti relativi alle discariche private in esercizio per rifiuti non pericolosi site nel territorio siciliano». Pool che ha inviato, tre mesi dopo, una relazione conclusiva. Il documento mette in rilievo alcuni punti: l'assenza delle prescrizioni del sindaco, la «mancata applicazione del principio di unica Aia (Autorizzazione integrata ambientalendr) per uno o più impianti localizzati sullo stesso sito e gestiti dal medesimo gestore». E poi le «difformità». Quella nel rispetto del programma di riduzione dei rifiuti biodegradabili, la presenza di rifiuti non ammessi (come liquidi e pneumatici), la mancanza di piani di gestione operativa e post operativa, sorveglianza e controllo e ripristino ambientale. E ancora violazioni volumetriche, il mancato rispetto delle migliori tecnologie disponibili, la mancanza di coerenza con il piano regionale di gestione dei rifiuti. Inoltre, «il decreto Aia rilasciato non possiede le caratteristiche di conformità legislativa più volte richiamata né conseguenzialmente permette l'effettuazione di controlli efficaci sulle attività di gestione rifiuti autorizzate». Secondo le accuse della Regione, «le attività di gestione dei rifiuti sono state svolte in difformità ad alcune condizioni imposte nel decreto e nel propedeutico giudizio di compatibilità ambientale (Via), nonché in difformità al decreto legislativo 36/03 e decreto legislativo 59/05», che normano rispettivamente la gestione delle discariche e la riduzione dell'inquinamento.
L'altra bomba ecologica è rappresentata dall'impianto ormai saturo e chiuso di contrada Tiritì. Secondo la relazione, la discarica è «rimasta in attività in una situazione di "non conformità legislativa" per tutto il periodo esaminato dal 1999 al 2006». La Prefettura di Catania «ha di fatto utilizzato una discarica che non era in possesso dei requisti di legge (tecnici e autorizzativi) per lo smaltimento dei rifiuti urbani». Anche qui la commissione segnala diverse violazioni, compresa la mancata «inclusione dei valori limite per le emissioni fissati per le sostanze inquinanti». Assente anche il giudizio di compatibilità ambientale. E, come sottolineano i dirigenti dell'assessorato, l'impianto sarebbe rimasto operativo «anche in data successiva alla scadenza dell'autorizzazione in assenza di valida autorizzazione, e lo è tutt'oggi in fase di gestione post operativa delle vasche esaurite». Anche per queste ragioni la Oikos è chiamata a effettuare l'analisi di suolo e acque sotterranee «per escludere l'esistenza di fenomeni di degrado ambientale e di potenziale contaminazione delle matrici acque, suolo e aria». All'azienda viene chiesto un «piano di indagini» che analizzi «arealmente e tridimensionalmente l'estensione delle aree della discarica di contrada Tiritì oggetto di abbancamento rifiuti a far data dal primo utilizzo storico (1983)». Il piano dovrà essere redatto sotto la vigilanza dell'Arpa e della Provincia e a curare il coordinamento saranno il dipartimento regionale e la Prefettura catanese.
Per domani è convocata una conferenza dei servizi presieduta da Marco Lupo, dirigente generale del dipartimento dell'Acqua e dei rifiuti, area di competenza dell'ormai ex assessore Marino. «È un momento importante, perché la Regione riconosce le ragioni dei comitati», spiega Massimo La Piana, coordinatore di uno dei due movimenti cittadini che nei Comuni interessati da tempo portano avanti la battaglia contro la discarica, quello di Misterbianco. L'appuntamento di domani, nel quale la Oikos avrà la possibilità di difendersi, è importante anche per l'altro paese, Motta, alle prese con la campagna elettorale che porterà al voto tra circa un mese. Il sindaco uscente e candidato, Angelo Giuffrida, a lungo è stato criticato per non aver affiancato i cittadini nelle numerose proteste e adesso, finalmente, prende posizione. «Domani dovrebbe dare parere negativo», anticipa La Piana. Una previsione confermata anche sul sito internet del primo cittadino. I due sindaci hanno anche manifestato pubblicamente il proprio sostegno a Nicolò Marino, esortando il governatore Rosario Crocetta a mantenere il magistrato al comando del settore. Eppure l'ex assessore non ha sempre goduto delle simpatie dei comitati, così come il sindaco mottese. «Personalmente, il cambio di direzione può starmi anche bene pur di raggiungere il risultato», osserva pragmaticamente Massimo La Piana. «Quello di domani è un punto fondamentale: se non dovessero rinnovare l'autorizzazione alla Oikos, si bloccherebbe la discarica». Ovviamente l'azienda potrà ricorrere al Tribunale amministrativo regionale, «ma intanto sarebbe un riconoscimento per la nostra battaglia», spiega il coordinatore del movimento.
Il nodo successivo da sciogliere è quello relativo alla figura del nuovo assessore. «La nomina di Salvatore Calleri, in questo momento, complica la questione», riconosce con una certa preoccupazione La Piana. «Bisogna vedere quanto ci metterà a rivedere il caso, se bloccherà l'iter o - come sperano i cittadini - agirà in continuità amministrativa». I timori degli abitanti risiedono tutti nel legame tra il leader toscano del Megafono e Confindustria. Associazione legata a doppio filo con il nome del gruppo Catanzaro, dato che Giuseppe Catanzaro ne è il vicepresidente, oltre a guidare quella che è oggi la discarica più grande della Sicilia. «Laicamente cercheremo un contatto e chiederemo urgentemente un incontro», promette La Piana.






E giunta la parola fine per la discarica di Mazzarrà Sant’Andrea?




Marco Lupo, dirigente generale del Dipartimento Enegia e rifiuti della Regione, ha avviato il procedimento di “diniego all’istanza di rinnovo” delle Autorizzazioni integrate ambientali concesse a Tirrenoambiente nel 2009, e scadute lo scorso 21 maggio senza che l’attività di smaltimento venisse interrotta, con le quali si consentiva alla società partecipata del comune di Mazzarrà Sant’Andrea di ampliare, per la terza volta nell’arco di un decennio, la discarica di contrada Zuppà e realizzare un impianto di selezione e biostabilizzazione e al cui interno opera, dal 2008, anche un impianto di produzione di energia elettrica dalla combustione del biogas da discarica, impianto, ricordiamo, sequestrato per ben due volte dalla procura di Barcellona e “sanato” solo lo scorso anno da un provvedimento regionale.
Ricordiamo anche che i due provvedimenti per i quali oggi la Regione nega il rinnovo erano stati annullati da due sentenze del Tar di Catania per evidenti violazioni nell’iter autorizzativo. Era stato cancellato dalle carte geografiche un intero paese che, complice la miopia delle istituzioni, da troppo tempo è costretto a subire l’inquinamento derivante da una discarica che non sarebbe mai dovuta nascere.
Oggi, nonostante il ribaltamento di quelle due sentenze da parte del Cga, che non aveva riconosciuto la legittimazione ad agire dei ricorrenti cittadini di Furnari, a seguito dell’istruttoria svolta dalla Commissione ispettiva nominata dall’ex assessore Marino sono state accertate “criticità tecniche nei provvedimenti autorizzatorie e “molteplici violazioni della normativa di riferimento” .
Gli ispettori della regione hanno evidenziato come “la discarica è stata gestita in fase operativa in assenza delle garanzie finanziarie obbligatorie e lo è tutt’oggi in assenza di autorizzazione all’esercizio a far data dalla scadenza del decreto AIA”. Inoltre viene contestata alla Tirrenoambiente “la mancata inclusione dei valori limite per le emissioni fissate per le sostanze inquinanti”, la “mancata indicazione degli opportuni requisiti di controllo delle emissioni, nonché l’obbligo di comunicare alle autorità competenti ed ai comuni interessati i dati relativi ai controlli delle emissioni”.
E infine, la “mancanza dei pareri degli enti preposti secondo il regime vincolistico, poichè l’area ricade nel Piano stralcio di bacino per l’assetto idrogeologico del torrente Mazzarrà”.
Una discarica, sottolinea la Commissione ispettiva “realizzata in difformità al decreto legislativo 36/2003, nella zona di rispetto dove insistono i pozzi ad uso idropotabile (lo andiamo ripetendo, inascoltati, dal 1999) di approvvigionamento del comune di Furnari” e le cui “modalità di impermeabilizzazione” non sono “conformi” a quanto previsto dal decreto 36/2003,
Un quadro, quello rilevato dal Dipartimento, che avendo “forti ripercussioni di carattere ambientale nell’ambito della effettiva protezione messe in atto ed esistente nelle matrici, suolo, sottosuolo ed acque”, in aggiunta all’avvio delle procedure di infrazione per non aver ottemperato agli obblighi previsti da alcuni articoli delle direttive 75/442/CEE, 91/689/CEE e 1999/31/CE concernenti i rifiuti, quelli pericolosi e la gestione delle discariche, dovrebbe portare alla definitiva chiusura del sito.
Tirrenoambiente ha a disposizione solo dieci giorni di tempo per produrre le proprie contro-deduzioni. Poi la Regione esaminerà la documentazione prodotta e nella conferenza di servizi del 2 settembre presso gli uffici del Dipartimento Acque e Rifiuti.

REGIONE, CROCETTA NOMINA I NUOVI ASSESSORI  I CATANESI
FIUMEFREDDO E TORRISI IN GIUNTA

REDAZIONE 8
APRILE 2014

POLITICA Il
presidente della Regione Sicilia ha reso noti i nomi dei nuovi assessori
regionali ieri sera in tarda serata. Un squadra che cambia per metà, con sei
nuove nomine. Entrano nel gioverno regionale anche tre catanesi: sono Salvatore
Calleri, presidente della Fondazione Antonio Caponnetto; Antonio Fiumefreddo,
noto penalista e politico etneo; e Nico Torrisi, imprenditore e già presidente
della Sac, la società di gestione dell'aeroporto di Fontanarossa

E' arrivato ieri in tarda serata l'annuncio della nuova squadra di governo del presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta. Un rimpasto deciso dopo lunghe settimane di confronti, anche aspri, all'interno dei partiti di maggioranza, e che vede cambiare sei assessori su dodici. Rinconfermate Lucia Borsellino (Salute), Nelli Scilabra (Formazione), Mariarita Sgarlata (Beni culturali), Patrizia Valenti (Funzione pubblica e personale), Michela Stancheris(Servici sociali e Famiglia) e Linda Vancheri (Attività produttive). I nuovi assessori – la maggior parte ancora in attesa di delega – sono:
  • Roberto Agnello, avvocato palermitano, esperto di bilancio, ha lavorato presso il Ministero della Salute, in quota Pd.
  • Giuseppe Bruno, avvocato palermitano, anche lui in quota Pd.
  • Salvatore Calleri, nato a Catania e residente a Firenze da molti anni, presidente nazionale della Fondazione Caponnetto. Uomo di fiducia del governatore, avrà la delega all'Energia.
  • Antonio Fiumefreddo, noto penalista etneo, già legale di Raffaele Lombardoe notissimo alle cronache politiche catanesi: candidato a sindaco di Catania nel 2001, è stato successivamente assessore alla Cultura nella giunta di Umberto Scapagnini, suo avversario nella tornata elettorale. Nel 2008 l'allora presidente della regione Raffaele Lombardo lo nomina commissario straordinario del teatro Massimo Bellini, ruolo per il quale è stato molto contestato. Nel 2010 fonda il giornale Sudpress, attraverso il quale si consuma un violento scontro proprio con Lombardo. Oggi è anche professore della Link University di Roma. In quota Drs (Democratici riformisti per la Sicilia).
  • Paolo Ezechia Reale, avvocato di Siracusa, in quota Articolo 4.
  • Nico Torrisi, dottore commercialista, imprenditore del settore turistico di Catania come amministratore dell'hotel Baia Verde. Per poco tempo, nel 2012 è stato presidente della Sac, la società che gestisce l'aeroporto catanese di Fontanarossa. È in quota Udc.
Dallo staff del governatore Crocetta, informano che non c'è ancora una data stabilita per quanto riguarda l'assegnazione delle deleghe specifiche dei nuovi assessori, che potrebbe avvenire entro il fine settimana.

MAZZARRÀ, DISCARICA INQUINANTE: DUE
BUROCRATI REGIONALI INDAGATI PER FALSO IDEOLOGICO


Nel mirino della
procura di Barcellona Pozzo di Gotto
Gianfranco Cannova, già in cella per
l'indagine su rifiuti e tangenti, e
Vincenzo Sansone. Nel 2009 rilasciarono
un'autorizzazione alla società TirrenoAmbiente che gestiva il sito. Sotto
inchiesta anche
Armando Cappadonia, funzionario dell'Arpa 



Si tratta di Gianfranco Cannova, già detenuto al Pagliarelli di Palermo perché accusato di aver incassato tangenti per favorire alcuni imprenditori nel settore delle discariche, e Vincenzo Sansone, dirigente generale del dipartimento regionale tecnico. A entrambi viene contestata un'autorizzazione rilasciata alla società che gestisce la discarica, la TirrenoAmbiente Spa, nel febbraio del 2009. Armando Cappadonia, funzionario dell'Arpa, è invece indagato per un'autorizzazione rilasciata nel 2006.









Dopo la richiesta di sequestro, firmata lo scorso 3 novembre e nella quale risultavano indagati gli ex amministratori di TirrenoAmbiente Antonio Crisafulli, Giuseppe Antonioli (già con divieto di dimora in Sicilia a seguito di un'indagine per corruzione di un dirigente regionale) e Pino Innocenti, il prossimo 16 dicembre la procura avvierà una verifica, non ripetibile in dibattimento, per accertare la presenza di eventuale inquinamento nel sito della discarica.









Le indagini si estendono anche a Sebastiano Giambò, ex sindaco di Mazzarrà Sant'Andrea, già presidente del Cda di TirrenoAmbiente, oggi agli arresti domiciliari dopo la condanna in primo grado nell'ambito dell'operazione Vivavio della Dda di Messina, per concorso esterno in associazione mafiosa, e Francesco Cannone, anche lui ex presidente del Cda della stessa società. Per loro la procura ipotizza il reato ambientale.







Si attende adesso la verifica disposta dalla procura per il prossimo 16 dicembre: a eseguirla sarà l'ingegnere Francesco Melidoro, lo stesso che nel rapporto del 17 settembre aveva rilevato: "Le acque sotterranee della discarica presentano notevoli indici di inquinamento, 













CANNOVA SANSONE ZUCCARELLO TIRRENO
AMBIENTE OIKOS SICULIANA  RELAZIONE COMMISSIONE DISCARICA OIKOS 2014




MAZZARRÀ: ALTRI
CINQUE INDAGATI PER LA DISCARICA SOTTO SEQUESTRO

Si allarga l’inchiesta della procura di Barcellona. Ora
l’inchiesta coinvolge altre cinque persone: tra questi, due funzionari
dell’assessorato regionale al Territorio e un funzionario dell’Arpa. Le
ipotesi: reato ambientale e falso ideologico
di Redazione

Cinque avvisi di garanzia per reato ambientale e falso ideologico. L’inchiesta della procura di Barcellona Pozzo di Gotto sulla discarica di Mazzarrà Sant’Andre si allarga e coinvolge altre cinque persone: due funzionari dell’assessorato regionale al Territorio e un funzionario dell’Arpa, agenzia regionale per l’ambiente, per i quali viene ipotizzato il reato di falso ideologico commesso da pubblico ufficiale. I nuovi indagati sono Gianfranco Cannova, già detenuto nel carcere di Pagliarelli di Palermo perché accusato di aver incassato tangenti per favorire alcuni imprenditori nel settore delle discariche, e Vincenzo Sansone, dirigente generale del dipartimento regionale tecnico. Sono accusati entrambi di aver rilasciato nel febbraio del 2009 un’autorizzazione alla società che gestisce la discarica, la TirrenoAmbiente Spa. Il terzo indagato è Armando Cappadonia, funzionario dell’Arpa, per un’autorizzazione rilasciata nel 2006. Gli ultimi due coinvolti nell’indagine sono  Sebastiano Giambò, ex sindaco di Mazzarrà Sant’Andrea, già presidente del Cda di TirrenoAmbiente, oggi agli arresti domiciliari dopo la condanna in primo grado nell’ambito dell’operazione Vivavio della Dda di Messina, per concorso esterno in associazione mafiosa, e Francesco Cannone, anche lui ex presidente del Cda della stessa società. Per loro la procura ipotizza il reato ambientale.
I cinque si aggiungono ai primi tre nomi iscritti nel registro degli indagati subito dopo la richiesta di sequestro della discarica, firmata lo scorso 3 novembre: gli ex amministratori diTirrenoAmbiente Antonio Crisafulli, Giuseppe Antonioli (già con divieto di dimora in Sicilia a seguito di un’indagine per corruzione di un dirigente regionale) e Pino Innocenti.
Si attende adesso la verifica dei livelli di inquinamento disposta dalla procura di Barcellona per il prossimo 16 dicembre: l’esperto incaricato per i rilievi è l’ingegnere Francesco Melidoro, lo stesso che nel rapporto del 17 settembre aveva rilevato: “Le acque sotterranee della discarica presentano notevoli indici di inquinamento, sulle pareti della discarica esistono situazioni di criticità correlate con fuoriuscita di percolato tali da generare locali profonde incisioni… e le condizioni precarie di equilibrio del corpo della discarica… potrebbero portare fenomeni gravitativi o franosi di rilevante pericolo per l’ambiente e per l’incolumità delle persone, i quali potrebbero manifestarsi in un breve medio periodo di tempo, in occasione soprattutto di intense precipitazioni atmosferiche”.

MAZZARÀ SANT’ANDREA,
SEQUESTRATA LA DISCARICA PER RIFIUTI GESTITA DALLA TIRRENO AMBIENTE S.P.A.

E’ avvenuto alle 11,30 di questa mattina a Mazzarrà Sant’Andrea. I Carabinieri della Compagnia di Barcellona P. G. al Nucleo Operativo Ecologico di Catania hanno dato esecuzione al decreto di sequestro emesso dal G.I.P. del Tribunale di Barcellona P. G., su richiesta della locale Procura della Repubblica, della discarica per rifiuti non pericolosi gestita dalla “Tirrenoambiente S.P.A.” situata in contrada Zuppa.
Il provvedimento è stato adottato nell’ambito delle indagini avviate dalla Procura della Repubblica diBarcellona P. G. a seguito della relazione elaborata dalla Commissione ispettiva per la verifica degli atti relativi alle discariche private in esercizio per rifiuti non pericolosi site nel territorio siciliano istituita con D.A. n. 54 del 17/01/2014. Lo sviluppo delle indagini delegate ai Carabinieri, con l’ausilio di tecnici del settore, hanno permesso di accertare la realizzazione di lavori di sbancamento propedeutici ad un ulteriore ampliamento della discarica in totale assenza di autorizzazioni edilizie.
E’ stato anche accertato che l’abbancamento di rifiuti in discarica violava le prescrizioni contenute e richiamate nei provvedimenti autorizzativi, condotta che integra il reato previsto dall’art. 256 c. 3-4 del decreto legislativo n. 152 del 2006. Nello specifico, sono stati conferiti in discarica oltre 1 milione di mc. di rifiuti ulteriori rispetto ai rifiuti abbancabili. La illegittima coltivazione è avvenuta in sopraelevazione, comportando concreto rischio di fenomeni franosi con rilevante pericolo per l’ambiente e per la incolumità delle persone. Sulle pareti della discarica sono state rilevate situazioni di criticità, con fuoriuscita di percolato. E’ stato anche accertato che le acque sotterranee della discarica presentano notevoli indici di inquinamento. Per i reati ravvisati rispetto ai fatti di cui sopra, sono stati notificati ai tre indagati, C. A. di anni 53, A. G. di anni 53 e I. G. di anni 61, altrettanti avvisi di garanzia.
La discarica di Mazzarrà Sant’Andrea (ME) è da diverso tempo al centro delle cronache anche a seguito della condanna ad 8 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa dell’ex Presidente del Consiglio di Amministrazione, Sebastiano Giambò, per fatti attinenti la carica ricoperta.
Di recente la discarica è stata oggetto dei lavori della Commissione Parlamentare Antimafia nell’ultima visita effettuata a Messina e Barcellona P. G


Carmelo
Catania
 - 

Una svolta sulla discarica dei veleni?

La commissione isti­tuita
dall’ex assessore Marino per verificare le condizioni degli im­pianti privati
ha solle­vato pesanti dubbi sul sito di proprietà della Tirrenoambiente. Di­verse
le irregolarità riscontrate.

Quella della
discarica di contrada Zuppà, una delle tre più grandi discari­che private
siciliane, è una storia lunga più di dieci anni e più volte al centro di
inchieste tra commistioni politico-affa­ristico-mafiose. Un’enorme collina
d’argilla e spazzatura posta a cavallo tra i comuni di Mazzarrà Sant’Andrea e
Furnari, in cui ogni giorno arrivano oltre 700 tonnellate di rifiuti prodotti
da Messina e altre provincie.
Raccolte, triturate,
trasportate e interra­te dagli operai della Tirrenoambiente Spa, l’azienda
guidata da Giuseppe Antonioli che incamera circa 70.000 euro al giorno (in
media ogni tonnellata viene pagata 100 euro), una miniera d’oro per i gestori.
Nonostante la Regione
abbia approvato da tempo un deliberato che impone una distanza minima di 5
chilometri tra le di­scariche e i centri abitati, l’invaso sorge ad appena 400
metri dal centro abitato di Furnari, abitato da oltre 3 mila persone,
appestando l’aria con miasmi e un fetore insopportabile, tanto da non poter
aprire le finestre nemmeno d’estate.
Potrebbe finalmente prospettarsi una svolta nella questione
dell’impianto della Tirrenoambiente. 

La commissione ispettiva 
Tutto comincia con la
revisione, da par­te dell’assessorato regionale all’Energia, guidato ancora da
Nicolò Marino, delle autorizzazioni concesse agli operatori pro­prietari degli
impianti privati nella regio­ne.
Per l’impianto di
contrada Zuppà, entrato in funzione nel 2003, è stato proposto «l’avvio del
procedimento di diniego dell’istanza di rinnovo». Nella comunicazione inviata
anche all’azienda partecipata dal comune di Mazzarrà San­t’Andrea, il dirigente
regionale Marco Lupo ricorda che il 17 gennaio 2014 «è stata costituita una
commissione ispettiva per la verifica degli atti relativi alle disca­riche
private in esercizio per rifiuti non pericolosi site nel territorio siciliano».
Commissione che ha
sollevato pesanti dubbi sul sito di Mazzarrà
.
Le irregolarità
individuate dal pool in­vestigativo, raccolte in una relazione con­clusiva di
170 pagine depositata lo scorso giugno, nel sito messinese riguardano la tutela
dell’ambiente e della salute e danno ragione ai cittadini di Furnari che da tem­po
lamentano una serie di violazioni dal punto di vista ambientale.
Paure che sembrano avere finalmente un riscontro ufficiale. 

Carenze e violazioni 

Il documento mette in
rilievo alcuni punti: l’assenza delle prescrizioni del sin­daco, la «mancata
applicazione del princi­pio di unica Aia (Autorizzazione integrata ambientale)
per uno o più impianti localizzati sullo stesso sito e gestiti dal medesimo
gestore». E poi le «difformità». Quella nel rispetto del programma di riduzione
dei rifiuti biodegradabili, la presenza di rifiuti non ammessi (come liquidi e
pneumatici), la mancanza dell’obbligo di trattamento dei rifiuti, dei piani di
gestione operativa e post operativa, sorveglianza e controllo e ripristino
ambientale. E ancora violazioni volumetriche, la mancanza di coerenza con il
piano regionale di gestione dei rifiuti.
Inoltre, «il decreto
Aia rilasciato non possiede le caratteristiche di conformità legislativa più
volte richiamata né conse­guenzialmente permette l’effettuazione di controlli
efficaci sulle attività di gestione rifiuti autorizzate». Secondo le accuse
della Regione, «le attività di gestione dei rifiuti sono state svolte in
difformità ad al­cune condizioni imposte nel decreto Aia, nonché in difformità
al decreto legislativo 36/03 e decreto legislativo 59/05», che normano
rispettivamente la gestione delle discariche e la riduzione dell’inquinamen­to.
E ancora « la
legittimità dell’atto è pale­semente inficiata dall’assenza agli atti del
preventivo giudizio di compatibilità am­bientale positivo» (Via), non sono
confor­mi l’impermeabilizzazione, e manca l’in­dicazione della capacità totale
dell’im­pianto. Non solo, il progetto della barriera di confinamento realizzata
al di sotto del corpo rifiuti non è stato trasmesso: ciò non rende possibile
attestare se la base dell’ampliamento non si attesti su aree già coltivate.
Gli ispettori inoltre
fanno notare come alcune aree intermedie fra la nuova e la vecchia discarica
storica siano «oggetto di coltivazione ed abbancamento». Le immagini tratte da
Google Earth «sembrerebbero confermare l’avvenuto sbancamento in tempi non
definiti».
Infine, «non risulta che il piano finanziario sia stato mai
trasmesso ed approvato, così come le garanzie finanziarie». Alla commissione,
inoltre, «non è chiaro» se la polizza assicurativa sia scaduta a maggio del
2012 e soprattutto se sia stata adeguata dopo l’ampliamento. 

Decisione rinviata a settembre 

Tirrenoambiente, che
ha annunciato la chiusura del sito per il prossimo 31 agosto per esaurimento
della capienza, avrebbe stilato un documento con le contro deduzioni.
Il prossimo 2
settembre a Palermo è stata convocata una conferenza dei servizi alla quale è
stato invitato anche il comune di Furnari, che ottiene finalmente il
riconoscimento delle proprie ragioni.
Un appuntamento che
potrebbe essere fondamentale: se le criticità riscontrate non dovessero essere
risolte, la Regione esprimerà parere negativo al rinnovo delle autorizzazioni.
Ma i passi successivi
sono messi in dubbio dall’avvicendamento di Marino con Salvatore Calleri,
considerato vicino agli ambienti di Confindustria.
Il “modello Marino”
prevedeva di togliere il monopolio delle discariche ai privati e fare i
controlli sui prezzi di conferimento in discarica.
Ed è proprio sui
rifiuti che nei mesi scorsi l’ex assessore si è scontrato con Giuseppe
Catanzaro, che di Confindustria è vicepresidente, lanciando pesanti accuse sui
presunti intrecci con Cosa nostra scatenando una reazione fatta di querele e
richieste di risarcimento milionarie.
I timori degli
abitanti di Furnari risiedono tutti in questo legame tra il leader toscano del
Megafono e Confindustria. Associazione legata a doppio filo con il nome del
gruppo Catanzaro.
Come agirà la
Regione, alla luce di quanto evidenziato dalla commissione ispettiva?
Calleri bloccherà l’iter o – come sperano i cittadini – agirà in
continuità amministrativa?
 

Mazzette alla Regione 

Negli stessi giorni in cui all’assessorato si avviava l’iter del
procedimento di diniego delle autorizzazioni, la procura di Palermo portava a
termine l’operazione “Terra Mia”, ordinando l’arresto proprio
dell’amministratore delegato di Tirrenoambiente, Giuseppe Antonioli, insieme ad
altri tre imprenditori della “munnizza” (Domenico Proto della Oikos di
Misterbianco, Calogero e Nicolò Sodano, titolari della discarica Soambiente di
Agrigento e del funzionario dell’assessorato regionale al Territorio e
ambiente, Gianfranco Cannova, figura chiave di un sistema di corruzione messo
in atto per raggirare il sistema di autorizzazioni allo smaltimento dei rifiuti. 
Gravi i danni ambientali 

Secondo gli
investigatori il quadro di corruzione emerso è molto grave, in quanto ha messo
a repentaglio la salute pubblica e alla preservazione del territorio da gravi
danni ambientali.
Nel corso delle
indagini, polizia e Noe dei carabinieri, hanno constatato che «questo settore
amministrativo è caratterizzato da una stratificazione normativa e da un
complesso e macchinoso apparato burocratico che ha consentito al funzionario
infedele, pur non rivestendo un ruolo apicale, di “giostrare” nella gestione
delle procedure connesse al rilascio dei provvedimenti, agevolando gli
imprenditori e preservandoli dall’ordinaria attività di controllo e
monitoraggio della pubblica amministrazione consentendo loro in questo modo di superare
indenni tutti i controlli.
Cannova, secondo l’accusa, gestiva il suo ufficio come un feudo,
ricevendo regalie e ingenti somme di denaro dai diversi imprenditori che
attendevano dal suo ufficio le autorizzazioni amministrative per l’esercizio
delle discariche e che si vedevano garantire una corsia preferenziale per le
loro pratiche. Il funzionario, inoltre, avvertiva in anticipo le imprese dei
controlli o le informava del risultato di riunioni in assessorato.
 

Quell’Audi sospetta 

Nei confronti del dipendente
regionale l’ex assessore regionale al Territorio Mariella Lo Bello aveva
presentato lo scorso marzo un esposto. Il funzionario: aveva predisposto un
atto che bloccava l’autorizzazione a una discarica di Gela. A quel punto
l’assessore Lo Bello, insospettita dallo “strano” comportamento, avvia una
serie di verifiche e salta fuori la storia di una conferenza dei servizi
convocata nel settembre 2008 e presieduta dallo stesso
Cannova che aveva
rilasciato l’Autorizzazione integrata ambientale per l’ampliamento della
discarica di Mazzarrà Sant’Andrea, omettendo la vicinanza al centro abitato di
Furnari.
Nell’ottobre del 2008
il funzionario acquista un’Audi A6 in Lombardia, in una concessionaria che
faceva riferimento all’amministratore delegato della società alla quale era
stata rilasciata l’autorizzazione. «Abbiamo così trasferito il funzionario e
presentato una denuncia sospettando un giro di tangenti per oliare alcune
pratiche piuttosto che altre, il tutto in un assessorato noto per le sue
lentezze e le improvvise accelerazioni», commentava la Lo Bello.
Inoltre, «il decreto Aia rilasciato non possiede le caratteristiche di conformità legislativa più volte richiamata né conse­guenzialmente permette l’effettuazione di controlli efficaci sulle attività di gestione rifiuti autorizzate». Secondo le accuse della Regione, «le attività di gestione dei rifiuti sono state svolte in difformità ad al­cune condizioni imposte nel decreto Aia, nonché in difformità al decreto legislativo 36/03 e decreto legislativo 59/05», che normano rispettivamente la gestione delle discariche e la riduzione dell’inquinamen­to.


E ancora « la legittimità dell’atto è pale­semente inficiata dall’assenza agli atti del preventivo giudizio di compatibilità am­bientale positivo» (Via), non sono confor­mi l’impermeabilizzazione, e manca l’in­dicazione della capacità totale dell’im­pianto. Non solo, il progetto della barriera di confinamento realizzata al di sotto del corpo rifiuti non è stato trasmesso: ciò non rende possibile attestare se la base dell’ampliamento non si attesti su aree già coltivate.
Gli ispettori inoltre fanno notare come alcune aree intermedie fra la nuova e la vecchia discarica storica siano «oggetto di coltivazione ed abbancamento». Le immagini tratte da Google Earth «sembrerebbero confermare l’avvenuto sbancamento in tempi non definiti».
Infine, «non risulta che il piano finanziario sia stato mai trasmesso ed approvato, così come le garanzie finanziarie». Alla commissione, inoltre, «non è chiaro» se la polizza assicurativa sia scaduta a maggio del 2012 e soprattutto se sia stata adeguata dopo l’ampliamento. 
Decisione rinviata a settembre 
Tirrenoambiente, che ha annunciato la chiusura del sito per il prossimo 31 agosto per esaurimento della capienza, avrebbe stilato un documento con le contro deduzioni.
Il prossimo 2 settembre a Palermo è stata convocata una conferenza dei servizi alla quale è stato invitato anche il comune di Furnari, che ottiene finalmente il riconoscimento delle proprie ragioni.
Un appuntamento che potrebbe essere fondamentale: se le criticità riscontrate non dovessero essere risolte, la Regione esprimerà parere negativo al rinnovo delle autorizzazioni.
Ma i passi successivi sono messi in dubbio dall’avvicendamento di Marino con Salvatore Calleri, considerato vicino agli ambienti di Confindustria.
Il “modello Marino” prevedeva di togliere il monopolio delle discariche ai privati e fare i controlli sui prezzi di conferimento in discarica.
Ed è proprio sui rifiuti che nei mesi scorsi l’ex assessore si è scontrato con Giuseppe Catanzaro, che di Confindustria è vicepresidente, lanciando pesanti accuse sui presunti intrecci con Cosa nostra scatenando una reazione fatta di querele e richieste di risarcimento milionarie.
I timori degli abitanti di Furnari risiedono tutti in questo legame tra il leader toscano del Megafono e Confindustria. Associazione legata a doppio filo con il nome del gruppo Catanzaro.
Come agirà la Regione, alla luce di quanto evidenziato dalla commissione ispettiva?
Calleri bloccherà l’iter o – come sperano i cittadini – agirà in continuità amministrativa? 
Mazzette alla Regione 
Negli stessi giorni in cui all’assessorato si avviava l’iter del procedimento di diniego delle autorizzazioni, la procura di Palermo portava a termine l’operazione “Terra Mia”, ordinando l’arresto proprio dell’amministratore delegato di Tirrenoambiente, Giuseppe Antonioli, insieme ad altri tre imprenditori della “munnizza” (Domenico Proto della Oikos di Misterbianco, Calogero e Nicolò Sodano, titolari della discarica Soambiente di Agrigento e del funzionario dell’assessorato regionale al Territorio e ambiente, Gianfranco Cannova, figura chiave di un sistema di corruzione messo in atto per raggirare il sistema di autorizzazioni allo smaltimento dei rifiuti. 
Gravi i danni ambientali 
Secondo gli investigatori il quadro di corruzione emerso è molto grave, in quanto ha messo a repentaglio la salute pubblica e alla preservazione del territorio da gravi danni ambientali.
Nel corso delle indagini, polizia e Noe dei carabinieri, hanno constatato che «questo settore amministrativo è caratterizzato da una stratificazione normativa e da un complesso e macchinoso apparato burocratico che ha consentito al funzionario infedele, pur non rivestendo un ruolo apicale, di “giostrare” nella gestione delle procedure connesse al rilascio dei provvedimenti, agevolando gli imprenditori e preservandoli dall’ordinaria attività di controllo e monitoraggio della pubblica amministrazione consentendo loro in questo modo di superare indenni tutti i controlli.
Cannova, secondo l’accusa, gestiva il suo ufficio come un feudo, ricevendo regalie e ingenti somme di denaro dai diversi imprenditori che attendevano dal suo ufficio le autorizzazioni amministrative per l’esercizio delle discariche e che si vedevano garantire una corsia preferenziale per le loro pratiche. Il funzionario, inoltre, avvertiva in anticipo le imprese dei controlli o le informava del risultato di riunioni in assessorato. 
Quell’Audi sospetta 
Nei confronti del dipendente regionale l’ex assessore regionale al Territorio Mariella Lo Bello aveva presentato lo scorso marzo un esposto. Il funzionario: aveva predisposto un atto che bloccava l’autorizzazione a una discarica di Gela. A quel punto l’assessore Lo Bello, insospettita dallo “strano” comportamento, avvia una serie di verifiche e salta fuori la storia di una conferenza dei servizi convocata nel settembre 2008 e presieduta dallo stesso Cannova che aveva rilasciato l’Autorizzazione integrata ambientale per l’ampliamento della discarica di Mazzarrà Sant’Andrea, omettendo la vicinanza al centro abitato di Furnari.
Nell’ottobre del 2008 il funzionario acquista un’Audi A6 in Lombardia, in una concessionaria che faceva riferimento all’amministratore delegato della società alla quale era stata rilasciata l’autorizzazione. «Abbiamo così trasferito il funzionario e presentato una denuncia sospettando un giro di tangenti per oliare alcune pratiche piuttosto che altre, il tutto in un assessorato noto per le sue lentezze e le improvvise accelerazioni», commentava la Lo Bello.

CANNOVA ORDINANZA DI
CUSTODIA CAUTELARE CANNOVA ARCHITETTO GIANFRANCO 7485 11 10308 11
ORDINANZA-CANNOVA-PROTO-F.LLI-SODANO



REGIONE,
BANCOMAT DELLA CORRUZIONE: IN UN ANNO CENTO MILIONI DI TANGENTI

Dalla pubblicità
all'energia: ecco perché nell'Isola dilaga il malaffare


di ANTONIO FRASCHILLA





TANGENTI e malaffare
per oltre 100 milioni di euro in poco più di un anno nell'isola del tesoro. Nel
mirino la Regione, che si sta rivelando sempre di più il cuore di un sistema
che garantisce truffe da capogiro tra mazzette e scarsi controlli. Seguono a ruota
Comuni e altri enti locali: complessivamente, negli ultimi sedici mesi soltanto
la Guardia di finanza ha segnalato frodi per 520 milioni e danni erariali per
826 milioni. Rifiuti, energia, formazione, sanità, finanziamenti Ue sono i
settori più aggrediti perché bancomat perfetti per affari milionari. "Una
nuova tangentopoli, il regno della manciugghia", ha detto il governatore
Rosario Crocetta. Un malaffare che continua però a espandersi, in particolare
proprio nei corridoi dell'amministrazione regionale, con funzionari coinvolti
in indagini e vicende poco chiare tutti rimasti spesso al loro posto nonostante
annunci mediatici di rotazioni e trasferimenti, e con politici, più che
chiacchierati, che siedono in maggioranza.




Una cosa comunque è
certa: i numeri forniti dal comando regionale della Guardia di finanza guidato
dal generale Ignazio Gibilaro sono impressionanti e lanciano l'allarme sulla
corruzione in Sicilia, che vede la Regione cuore pulsante di questo mondo nero.
Basta leggere le cronache delle indagini principali in corso delle Procure
dell'isola sui fondi del Ciapi utilizzati per pagare i politici, le tangenti
versate da imprenditori a deputati regionali per oliare le pratiche in materia
di energia, le mazzette garantite dai re dei rifiuti per avere le
autorizzazioni ambientali, gli enti di formazione in mano agli onorevoli e, nel
mezzo, funzionari e dipendenti pubblici corrotti, nella peggiore della ipotesi,
distratti nella migliore. Mentre la politica sembra confusa e annuncia riforme su riforme senza
andare al dunque: lo scenario migliore per chi vuole continuare a fare affari
illeciti all'ombra di Palazzo d'Orleans e dei Comuni dell'Isola. Cioè dei siciliani.




Affari, tangenti e lobby il sistema rifiuti nell'Isola costa un miliardo l'anno



ANTONIO FRASCHILLA



ECCO il risultato di anni di mala gestio in un comparto chiave per la salute dei cittadini e il rispetto dell'ambiente: un sistema di smaltimento poco compatibile e un costo che è pari a 200 euro a siciliano, neonati compresi, contro i 190 del Lazio e i 111 euro della Lombardia. Il tutto mentre non ci sono abbastanza impianti per la differenziata, che non a caso vede l'Isola ultima nel Paese con meno del 10 per cento, con conseguente rischio di condanne dell'Unione europea.
Al di là delle indagini giudiziarie, che stanno alzando il velo su tangenti, legami pericolosi con la politica e pressioni sull'amministrazione, e hanno portato agli arresti di due amministratori di discariche, dell'Oikos e della Tirreno ambiente, il sistema dei rifiuti in Sicilia dopo quasi quindici anni di cattiva gestione è adesso quasi al collasso e non è più economicamente sostenibile. Al momento i rifiuti siciliani per il 90 per cento finiscono in quattro discariche: oltre a quelle citate, vanno nei siti della Sicula Trasporti e della Catanzaro. La Sicilia è attraversata da compattatori stracolmi di rifiuti. A esempio, da Termini Imerese i mezzi partono alla volta di Mazzarà Sant'Andrea (dove per conferire la tariffa è di 90 euro a tonnellata) oppure a Motta San'Anastasia (102 euro a tonnellata), compiendo più di 300 chilometri tra andata e ritorno. A Bagheria da qualche giorno gli autocompattatori carichi di rifiuti vanno a scaricare a Siculiana nel sito gestito dalla ditta Catanzaro Costruzioni. «Il servizio reso a Siculiana ha un costo di 78 euro per tonnellata di rifiuto contro il costo sostenuto per andare a scaricare a Catania di 140 euro per tonnellata», ha detto il sindaco grillino Patrizio Cinque. In media comun- que il costo per conferire i rifiuti nelle quattro discariche siciliane private costa 100 euro a tonnellata.
Considerando i rifiuti prodotti ogni hanno dai siciliani, pari a 2,5 milioni di tonnellate, e che di questi ben il 90 per cento finisce sotto terra, il costo complessivo è di 250 milioni di euro all'anno. A questa cifra occorre aggiungere la spesa per i 13 mila addetti al servizio, in gran parte assunti negli anni d'oro degli Ato che, chiaramente, hanno accumulato un miliardo di euro di debiti. Nell'Isola c'è un operatore ogni 398 abitanti, contro l'uno ogni mille di Treviso e una media nazionale di un addetto per 680 abitanti.
Dal 2003 è scattata una corsa folle ad assumere personale, spesso a ridosso di tornate elettorali, e i nodi sono venuti al pettine negli ultimi anni. Oggi questi stipendi costano circa 520 milioni di euro all'anno.
Ma le spese del sistema rifiuti siciliano non finisco qui. A queste cifre occorre aggiungere anche il 30 per cento di spese che va per oneri di gestione, manutenzione e acquisti di attrezzature: altri 200 milioni di euro all'anno. Il totale fa 970 milioni di euro all'anno, circa un miliardo. A fronte di questa mole di costi, i tributi riscossi dagli enti locali per lo smaltimento dei rifiuti Tarsu o Tia, ammontano a 650 milioni di euro. Quindi ogni anno il sistema accumula debiti per oltre 300 milioni di euro: oggi tra Ato e Comuni, il debito nei confronti delle imprese pubbliche e private che lavorano nel comparto è salito così a 1,5 miliardi di euro, nonostante i 600 milioni di euro di fondi regionali bruciati negli ultimi anni attraverso il cosiddetto fondo di rotazione istituito proprio per aiutare i Comuni.
Insomma, costi elevati e una macchina mangiasoldi perfetta. Ecco il sistema della spazzatura in Sicilia, mentre la magistratura indaga sulle tangenti e il ruolo della politica. Nel frattempo il piano rifiuti rimane in gran parte incompiuto: i Comuni non hanno i soldi per avviare la differenziata e dopo la fine dell'emergenza, con annesso commissariamento affidato alla Regione, dovrebbero essere le nuove Srr ad investire negli impianti. Sì, ma con quali fondi? Fino a quando i rifiuti andranno a finire solo nelle discariche? Il governo Crocetta ha dichiarato guerra ai privati coinvolti nelle indagini e minaccia di requisire le discariche. Ma quali sono i programmi del governo per cambiare questo sistema?
Dopo gli ultimi arresti il governo Crocetta ha dichiarato guerra ai privati Ogni dodici mesi si accumulano debiti per trecento milioni di euro
GLI OPERATORI
In Sicilia c'è un operatore ogni 398 abitanti Da sinistra, una discarica e Palazzo d'Orleans


APPALTI
E INCHIESTE, IL RITARDO DELLA POLITICA

Salvo Toscano


Con le indagini su
discariche e fotovoltaico, gli inquirenti arrivano prima della politica,
malgrado i tanti campanelli d'allarme suonati in questi anni. Serve un
intervento deciso sulla burocrazia. Ma anche le imprese hanno qualcosa su cui
riflettere, a partire dalla "convenienza" della legalità



PALERMO – L'ultimo annuncio in ordine di
tempo risale a oggi
, quando il
presidente Rosario Crocetta ha detto che sarà creata “
una banca dati on line, il cui
accesso sarà riservato alle forze dell'ordine e alla magistratura, con tutte le
informazioni relative agli appalti pubblici della Regione"
. Ma la settimana
horribilis per la Regione, con due inchieste che hanno fatto tremare il
Palazzo, quella sulle 
discariche e
quella sul
 fotovoltaico, promette
strascichi. Le indagini hanno svelato presunti incroci pericolosi tra
burocrazia e affari, storie di tangenti e promiscuità – tutte, sia chiaro,
ancora da dimostrare in sede giudiziaria – che gettano più di un'ombra sulla
burocrazia regionale. Storie che affondano le proprie radici in quella matassa
ingarbugliata di norme e codicilli, in quel labirinto nel quale non perdersi,
per cittadini e imprese, è pratica non semplice, in quel pantano in cui le
poche certezze fanno il gioco di disonesti e avidi a scapito del diritto.




Colpisce, nelle cronache di questi giorni, la corsa dei
politici per piazzarsi primi nel gioco del “l'avevo detto io”.
 Tanti si
sono iscritti, eppure resta il fatto che fino all'intervento della
magistratura, lo status quo, per esempio sulla vicenda delle discariche, era
rimasto quasi intatto. “La Procura è arrivata a conclusioni che la politica non
ha saputo trarre: ha fatto prima delle istituzioni politiche”, 
ha sintetizzato in
un'intervista a Livesicilia il deputato del Pd Anthony Barbagallo.









Eppure, i campanelli d'allarme erano suonati abbondanti,
dentro e fuori dal Palazzo.
 Sul fronte delle energie alternative, ad esempio, una
relazione dell'assessorato all'Energia aveva sollevato già forti perplessità
sulle procedure per l'autorizzazione per la realizzazione degli impianti
alimentati da fonti rinnovabili, dipingendo un quadro a dir poco caotico degli
uffici. Quanto alla vicenda rifiuti, basta sfogliare le collezioni dei
giornali. Solo pochi mesi fa, a marzo, era stata la Fit Cisl a chiedere
maggiore trasparenza nel settore, invitando la commissione Antimafia “a rendere
pubblico subito l'esito dei controlli antimafia sulle imprese che gestiscono le
discariche in Sicilia, a partire da quelle pubbliche guidate da politici che
pertanto devono dare per primi l'esempio”. Prima ancora c'erano state le
esternazioni – con tanto di polemiche interne alla giunta – degli assessori
Nicolò Marino e Mariella Lo Bello. Già a dicembre del 2010, sul Sole 24 Ore la Confindustria siciliana denunciava
come nell'Isola si rilasciassero autorizzazioni in materia di protezione
ambientale senza accertarsi che le aziende richiedenti avessero le carte in
regola per averle. Passava un anno, e nel settembre del 2011 lo stesso
vicepresidente degli industriali Giuseppe Catanzaro, imprenditore del settore,
tornava alla carica, parlando al
 Giornale di Sicilia di “resistenze di pezzi malati di
burocrazia e della politica che impediscono il cambiamento”, denunciando
ritardi nell'informatizzare le procedure e a lasciare traccia di ciò che si è
fatto. Nella stessa intervista Catanzaro lamentava: “Si spendono i fondi
europei per comperare un sistema informatico di gestione delle pratiche, il
Sivvi, di cui ad oggi non c’è alcuna applicazione”, aggiungeva l'imprenditore.






Il Sivvi è un sistema informativo di valutazione di impatto
ambientale
realizzato da Sicilia e-Servizi e Sicilia e-innovazione con
i fondi europei, presentato in pompa magna nel giugno 2009 con una conferenza
stampa a cui presero parte tra gli altri l'allora assessore Pippo Sorbello e la
dirigente Rossana Interlandi. Doveva assicurare trasparenza nelle procedure. Lo
si è cominciato usare solo nel 2011, ma in assessorato non pare sia troppo
apprezzato, malgrado – spiega il dirigente generale del dipartimento Ambiente
Gaetano Gullo – “all'epoca vi furono spesi 900 mila euro”. La digitalizzazione,
spiega lo stesso Gullo, comunque c'è, sia attraverso Sivvi, sia per mezzo di un
software realizzato da risorse interne che permette consultando quest'indirizzo di seguire l'iter delle
pratiche su pagine excel.



Software
o non software, il quadro emerso dalle ultime inchieste richiede alla politica
 una tempestività e una decisione
nell'intervenire che fin qui non si è vista a sufficienza. E questo al di là
dei proclami e dei data base da mettere a servizio degli investigatori. Servono
piuttosto misure che davvero semplifichino gli iter burocratici garantendo
trasparenza e criteri oggettivi e certi, interventi volti a evitare che si
creino “regni” troppo lunghi negli uffici pubblici per mezzo di rotazioni
mirate (che non degenerino nel caos), ogni sforzo possibile volto a evitare
occasioni di contatti diretti tra uffici e ditte, e in ultimo sanzioni severe
per i dipendenti infedeli, premiando invece i meritevoli e preservando questi
ultimi da generalizzazioni. Insomma, occorre che la politica ristabilisca il
suo primato sulla burocrazia, che da tempo ormai s'è ridotto invece alla sola
attività di spartizione delle poltrone più pesanti secondo criteri di
appartenenza.



Ma
d'altra parte, anche per le imprese (e non solo per la politica) le inchieste
di questa settimana offrono senz'altro spunti di riflessione.
 Un passaggio interessante
dell'ordinanza è la conversazione tra due imprenditori coinvolti nell'indagine,
Calogero e Giovanni Sodano. Parlando di presunte richieste di denaro da
Gianfranco Cannova, il funzionario al centro dell'inchiesta, i due commentavano:
“Ora il dottore (Cannova, ndr) ci racconta le solite minchiate... che vuole
soldi... non dobbiamo dare più niente noi... non ci credo che Catanzaro molla
una lira per... per... per avere queste discariche... neanche una lira...”.
“Sì...”. “E il primo che si permette a dirgli dammi mille lire quello lo
denuncia... noi troppo esagerati siamo stati...”. Un passaggio che fa
riferimento al già citato vicepresidente degli industriali siciliani e che
sembra dar forza alla scuola di pensiero, forse ancora minoritaria, della
"legalità conveniente", per la quale - proprio come accade nei
confronti degli estorsori di Cosa nostra - la denuncia alle autorità è la
migliore e più efficace difesa per tenere alla larga eventuali corrotti e
concussori.

http://livesicilia.it/2014/07/25/appalti-e-inchieste-il-ritardo-della-politica_520950/







Appalti e inchieste, il ritardo della politica - Live Sicilia











Rifiuti ed energia, tangentopoli di Sicilia
di Rosario Battiato



Gli ultimi due capitoli: l'operazione Terra Mia e le presunti tangenti per la costruzione del parco fotovoltaico di Monreale. Nei due settori gli interessi di criminalità  organizzata, malaffare e corruzione. Un sistema denunciato da anni e mai colpito


PALERMO – In Sicilia, i rifiuti e l'energia sono due panieri ricchi di risorse e braccati da interessi milionari non sempre trasparenti. Nessuno stupore, pertanto, se proprio in questi settori si sono annidati gli scandali della nuova tangentopoli siciliana. La storia dell'Isola è ricca di esempi, ma i fatti più recenti hanno riguardato l'inchiesta Terra Mia e l'affare del parco fotovoltaico di Monreale.



Come tanti altri avevano fatto prima di lui, anche l'assessore regionale all'Energia, Salvatore Calleri, ha tuonato contro la corruzione nella Pubblica amministrazione e ha ribadito l'impegno dei suoi uffici nel solco tracciato dal suo predecessore, Nicolò Marino, che in maniera incisiva aveva agito per rimodulare il potere delle discariche private nella direzione della legalità e della trasparenza e per normare un settore strategico per l'energia verde come l'eolico.




Prima di lui anche Giosuè Marino e Pier Carmelo Russo, entrambi assessori all'Energia durante il governo Lombardo, avevano espresso diverse e, in alcuni casi, ben documentate perplessità. Lo stesso governatore aveva sottolineato nel febbraio del 2010 in audizione alla Commissione parlamentare sui rifiuti, e poi in aprile all'Ars, che c'era un forte appetito della mafia “intorno alla gestione dei rifiuti”. E le operazioni che si sono susseguite in questi anni hanno confermato un lato oscuro sin troppo conosciuto: dall'affare dei termovalorizzatori alle discariche abusive nelle miniere abbandonate di Sicilia, dall'operazione "Trash" di Bronte del 2008 fino alla “Nuova Ionia” del 2013.




Solo qualche esempio pescato nel mare del malaffare che ruota attorno ai rifiuti e che nei giorni scorsi ha portato alla luce l'ennesimo scandalo che arriverebbe fino alla Regione con l'operazione Terra Mia, un certosino lavoro di intercettazioni che fa risalire alcune delle registrazioni più importanti al 2012.




Salvatore Calleri, che viene proprio da una roccaforte di legalità come la Fondazione Caponnetto, non ha voluto essere da meno dei suoi predecessori e nei giorni scorsi ha rilanciato. “Per quanto riguarda la discariche il mio assessorato - ha spiegato - ho disposto la chiusura della Oikos Spa di Motta Sant'Anastasia. Entro pochi mesi abbiamo le gare d'appalto per le discariche pubbliche. Abbiamo, inoltre, revocato l'autorizzazione alla ditta So Ambiente srl di Agrigento, dove avevamo avuto un'informazione prefettizia negativa. Per quanto riguarda Tirreno Ambiente, che si trova vicino Barcellona, siamo intervenuti”. Altri interventi hanno riguardato la discarica di Sant'Agata di Militello “per situazioni di cui sono venuto a conoscenza che potrebbero avere rilievi penali” e dei quali sarebbe stato interessato il procuratore Leonardo Agueci”.




Azioni lodevoli, ma c'è evidentemente un problema di funzionamento della macchina burocratica. Lo ha ammesso implicitamente lo stesso Rosario Crocetta rispondendo risposto ai cronisti che chiedevano le motivazioni del rientro al posto originario in circa un mese e mezzo del funzionario dell'assessorato al Territorio, Gianfranco Cannova, da venerdì ai domiciliari in quanto coinvolto nell'inchiesta, che era stato trasferito ad altro ufficio così come disposto dal governo regionale lo scorso anno con il provvedimento di rotazione dei dirigenti. Netta la riposta: “Avevo dato disposizione che i dirigenti trasferiti non dovevano tornare nei settori dai quali erano stati provenivano”. Perché chi doveva eseguire questo ordine non l'ha fatto?




Capitolo energia. Anche qui la Sicilia non si è mai fatta mancare nulla: dall'operazione “Broken wings” che ha messo nel mirino il re dell'eolico Nicastri ritenuto vicino al superlatitante Matteo Messina Denaro al primo scandalo fotovoltaico, il processo è in corso, che ha coinvolto i deputati Vitrano e Bonomo. Il fotovoltaico si è concesso un bis nei giorni scorsi dopo che la Guardia di Finanza di Napoli, nell'ambito di un'indagine sulla maxi evasione fiscale di due imprenditori toscani, aveva intercettato un giro di mazzette che riguardava la realizzazione del parco fotovoltaico di Monreale. Coinvolti l'ex assessore, oggi deputato coi democratici riformisti, Pippo Gianni, e il dirigente Martino Russo, indagati per corruzione, e Francesco Marcenò, dirigente regionale indagata per abuso d'ufficio. Per i funzionari previsto un provvedimento di sospensione.



http://www.qds.it/16839-rifiuti-ed-energia-tangentopoli-di-sicilia.htm















ASSESSORI CONTRO DURO SCONTRO TRA M marino-e-lo-bello-14-marzo-2014



 CUFFARO ALLA COMMISSIONE PARLAMENTARE RIFIUTI SPROPOSITA




CUFFARO ALLA COMMISSIONE PARLAMENTARE RIFIUTI... di isolapulita





Cuffaro Genchi Pellerito e i 4 Termovalorizzatori

Cuffaro Genchi Pellerito e i 4 Termovalorizzatori di isolapulita



Comm.Parlamentare RIfiuti Cuffaro Genchi 






Cannova conversando telefonicamente con sua moglie Valeria Paduano le confidava che aveva la disponibilità di un’autovettura “Della ditta”, una locuzione riferita alla “ditta” del Proto esternata in modo così confidenziale da ingenerare qualche confusione persino nella stessa moglie dell’indagato benché fosse anche lei a conoscenza della “familiarità” dei rapporti del marito con l’imprenditore catanese: 
V: E poi a Rimini come ci vai? 
G: C'è una macchina che mi aspetta. 
V: Di chi? G: Della Ditta. 
V: Quale Ditta? 
G: Di tua sorella... minchia.. ! 
V: Quale Ditta è? G: Sei scema? 
V: Che Ditta è non lo so.
 G: Quella di Mimmo.!”. 

Cannova di sfruttare la sua “compromettente” amicizia con il Proto anche per “sistemare”, almeno in un prossimo futuro, il figlio Paolo: 
G: Infatti è probabile, probabile che poi Paolo lo mettiamo a lavorare lì.
 V: Si tu sei convinto, lo devi mettere a lavorare lì...vediamo le cose come vanno... ancora non si sa niente... la crisi tu già pensi a Paolo dove lo devi mettere a lavorare. 
G: Sarebbe una buona oppurtunità..
 V: Per ora fagli prende sto diploma...che è ancora all'inizio, ho paura che..
 G: Poi a casa, anche quando va a Catania, è a due ore di strada..

GRAND HOTEL RIMINI allegata in atti, che attesta che la società OIKOS s.p.a. ha sborsato per il soggiorno del Cannova la somma complessiva di euro 717,00   carta   credito Master Card n. 5529 7500 7810 4933 intestata a Domenico Proto.

P: Senti, ma Mimmo almeno qualcosa te la esce per questa cosa che hai fatto?....Quanto? ..Te li ha dati? ..DIECI? … Meno male che c’è lui!!perche’ con questo……Quanto ti costano questi, omissis.”, ricevendo dal marito la seguente emblematica riposta di assenso: “
G: Se ne fotte lui dei soldi.”.

Hotel Baja Verde, di cui sopra si è detto: 
P: Io mi spavento.. io ti ho sempre detto stai attento con Mimmo perché io sono sicura che lui ha troppe attività, troppe cose, io..eee.. quando una prende soldi facili, prima o poi le paghi… 
G: Ma che vuoi dire? 
P: A me dispiace per lui ma prescindere perché con noi si è sempre comportato bene. 
G: Che vuoi dire non ho capito.. 
P: Che mi spaventa l’arresto.. 
G: Spaventati! 
P: Che hai i cazzi pure tu, cominciano a fare.. ci sono intercettazioni che andiamo al Baia Verde, andiamo qua.. andiamo là.. anche ste cose, io proprio oggi pensavo mi sarebbe piaciuto andare a Taormina, ora anche ora, a Capo Taormina, però ci dobbiamo un po’ limitare, tu sei troppo leggero nelle tue cose. 
G: Limitati, ci vado solo 
P: Dove? 
G: A Capo Taormina.

La preoccupazione della moglie del Cannova di giustificare il loro tenore di vita va anche posto in relazione al fatto che dall’accertamento bancario esperito sui conti correnti del Cannova e di Paduano Valeria  tra l’altro risulta che nel 
conto Unicredit, n. 300508486, 
intestato alla Paduano, 
il saldo finale a giugno 2012 ammontava ad euro 200.732,10, 
mentre negli anni precedenti risultavano i seguenti saldi: 
anno 2011 euro 459.335,25; 
anno 2010 euro 35.918,18; 
anno 2009 euro 8.301,80; 
anno 2008 euro 56.960,04; 
anno 2007 euro 11.637,98




Lo
scellerato patto criminale viene, come da trascrizioni telefoniche che seguono,
consumato, nella specie, con la rivelazione di segreti d’ufficio da parte del
CANNOVA al PROTO e, di converso, con la dazione, da parte dell’imprenditore, di
denaro contante, regalie di vario tipo al funzionario infedele per le sue
indebite prestazioni finalizzate ad agevolarlo negli atti amministrativi che
riguardano la sua società. Si specifica che gli atti oggetto del mercimonio
sono di competenza dell’ufficio regionale del CANNOVA, il quale sperava nella
futura assunzione del figlio adottivo Paolo nelle società del PROTO al
compimento della maggiore età, come poi lo stesso CANNOVA rivelerà a sua moglie
Paduano Valeria.

In
particolare, CANNOVA, una volta venuto a conoscenza dell’intenzione di revocare
l’A.I.A. alla società del PROTO, immediatamente rivelava la notizia al diretto
interessato affinché questi potesse correre ai ripari, muovendo eventualmente
proprie conoscenze e amicizie, tra cui quella con l’allora Governatore della
Regione, Raffaele Lombardo (in quel periodo Commissario Straordinario
all’emergenza rifiuti per la Sicilia), il quale lo riceverà privatamente, come
poi racconterà il PROTO stesso in un intercettazione più avanti riportata.

Ovviamente
PROTO, come è stato documentalmente accertato (vedi infra) ha pagato
gran parte delle spese di viaggio   sostenute
a Rimini da CANNOVA, a mezzo di carta di credito a lui stess
o intestata
(Mastercard nr.5529 75007810 4933 con scadenza del 05.2013).

Nella
specie, Domenico PROTO si è fatto carico delle spese sostenute da CANNOVA
durante la permanenza a Rimini (dal 09/11/2011 all’11/11/2011), ed particolare:


l’autonoleggio di un’autovettura marca Passat 2000 TDI SW, targata EH 746 YG,
costata nel periodo di riferimento al Proto € 229,45, di cui € 149,46 a mezzo
voucher pagato dal PROTO e € 79,99 dal CANNOVA con carta di credito,
autovettura direttamente data in consegna al CANNOVA, il quale nella bolla di
consegna figura quale “dipendente della Oikos Spa ”
− i costi
alberghieri sostenuti, pagati da PROTO con la carta di credito sopra riportata,
spendendo stavolta complessivamente per il solo CANNOVA € 717,  dichiarazione a firma del direttore
dell’Albergo “Grand Hotel” di Rimini);
− le spese
del biglietto aereo del CANNOVA da Palermo a Bologna A/R compagnia Alitalia,
del costo complessivo di € 486,46, pagato con carta di credito di PROTO   



In una
conversazione Cannova ha avvisato PROTO della prossima emissione del decreto di
annullamento dell’AIA per la sua società; CANNOVA, poi, violando qualsiasi
dovere di segretezza d’ufficio, si preoccupava di inviare all’imprenditore
catanese il documento a mezzo fax, cosa che poi di fatto non avveniva poiché,
in conversazione telefonica successiva, CANNOVA diceva a PROTO che il documento
lo avrebbe portato con sé e glielo avrebbe fatto leggere in occasione del
viaggio a Rimini.

P: PROTO Domenico
S: SUDANO Domenico
S: Pronto?
P: Senatore!
S: Pronto? Ehi, Mimmuzzo!
P: Come stai, senatore, come
stai?
S: Come stai tu? Mi fanno
battagliare... mi fanno battagliare, Mimmo, però va' bene và..!
P: Come, come, come ti
fanno...
S: Come stai tu?
P: Chi è costui, che lo
uccido! chi è costui, che lo uccido!
S: Eh eh eh.. no, abbiamo
predisposto già la risposta e martedì la firma Berlusconi, quindi, da martedì
in poi, nel giro di dieci giorni, otto giorni, dovremmo chiudere sta partita,
dai, se Dio vuole...
P: Ah ah ah ah....! Avanti,
dai! Ci facciamo il SANTO NATALE, eh eh eh..
S: Avanti, va' bene, ve
bene. Tutto bene tu?
P: Tutto bene, si si, tutto
bene, volevo sentire la tua voce e la volevo sentire bella, carica, come la sto
sentendo ora!
S: Si si si,.. (incompr.)..
io sono lottatore, Mimmo, dai!
P: Nel giusto! Noi, nel
giusto sempre!
S: Nel giusto! Sempre nel
giusto...
P: Nel giusto!
S: Sempre nel giusto… Sempre
nel giusto. Va' bene Mimmuzzo (incompr.)
P: Un bacio grosso,un bacio
grosso, allora, ok?
S: Grazie, ci vediamo, ciao
gioia, ciao, un bacio ciao.

C:CANNOVA GIANFRANCO
(CHIAMANTE)
P:PROTO DOMENICO (CHIAMATO)
P: Gianfranco?
C: Ehilà! Mimmuzzo!
P: Allora, ti hanno mandato
il messaggino?
C: No!
P: Non ti è apparso...
C: No!
P: Ti ho messo partenza da
Catania, vedi... perché se no dovevi...
C: incomprensibile
P: Ho messo partenza da
Catania se no dovevi partire all'una, mi sembra, alle dodici e trenta...
C: Si... eh... aspé un
minuto Mimmo però... io posso partire mercoledì!
P: Ah!
C: Perché tu mi avevi detto
che partivamo mercoledì e invece ora Veronica mi ha detto che partite merco...
martedì!
P: Noi si mercoledì...
C: incomprensibile
P: ... noi, vabbé e ti
par... parti un altro giorno allora, scusa.
C: E questo infatti volevo
post...
P: Fai una cosa, parla
con Veronica, eh.... dagli... dagli l'input qual'è la disponibilità e ti faccio
cambiare tutte cose
.
C: Oh! Un'altra cosa e... a
questo punto rientriamo giovedì tutti assieme oppure noi ci tratteniamo fino a
venerdì? Tu come sei messo?
P: No, io venerdì mattina
c'ho, alla Sicilia a Catania, appuntamento con.... giornale, dobbiamo fare
delle dichiarazioni.
C: Ho capito!
P: Se no incomprensibile ...
C: Mimmo?
P: Si, ti sento!
C: Senti, vedi che è
arrivato l'altro documento che praticamente parla di nuovo di e....
annullamento del decreto AIA nei confronti di OIKOS... ora faccio i fax e
glieli faccio arrivare a Veronica, quindi questa cosa continua, è quella del
direttore, pensavo fosse finita e invece continua. Hai capito?... Pronto?...
Pronto?...
(VOL. II aff. 131 ss) 

C: CANNOVA Gianfranco
(CHIAMANTE)
P: PROTO Domenico (CHIAMATO)
P: Gianfranco?
C: Ehi, Mimmo, ti stavo
dicendo, ti devo trasmett...
P: In ufficio, dico? Sei in
ufficio?
C: No, per ora no, sono...
ora devo rientr... ora rientro, comunque, perchè devo andare a fare questi
fax……….eve arrivare…..
P: Mmh... Da parte di chi
arriva questo documento?
C: Da parte del
direttore, che, praticamente, gli ha scritto l'ufficio di gabinetto
dell'assessore, perchè ha avuto la richiesta da parte della Prefettura. Ufficio
di presidenza, segreteria tecnica, da parte del presidente..ehm... della..
della regione.
P: Ma è il direttore che
scrive?
C: Si!
P: Cioè, ZUCCARELLO Scrive?
C: No! ZUCCARELLO non è
direttore, non cominciamo!
P: Allora chi è, scusa?
C: Scrive ARNONE! Perchè
vuole risposta la MONTEROSSO, Patrizia MONTEROSSO
6, ch'è il capo di gabinetto di LOMBARDO.
P: Ho capito! Va' beh,
questo... questo...
C: Te lo faccio arrivare
tramite fax.. ehm... stasera vattelo a prendere in ufficio.
P: Va' bene.
C: Va' bene?
P: Va' bene Gianfranco.
 Quindi, di seguito la telefonata e l’sms che il
segretario particolare di Domenico PROTO, Giuseppe Arcidiacono, fa a CANNOVA
per confermargli gli orari di partenza per Rimini. In questa conversazione
telefonica il Cannova chiedeva che gli venisse messa a disposizione
un’autovettura.
A: Giuseppe ARCIDIACONO
(CHIAMANTE)
C: Gianfranco CANNOVA
(CHIAMATO)
C: Giuseppe!
A: Si, architetto,
buongiorno!
C: Buongiorno.
A: Ha ricevuto il messaggio?
Io ho chiuso perche le stavo scrivendo il messaggio, in pratica.
C: No, Giusè, non è arrivato
ancora.
A: Comunque, gliel'ho
inviato ora. In pratica è confermata quella partenza che mi diceva lei,
nove-undici, va' bene?
C: Eh! Nove-undici...
L'orario?
A: Parte il nove e
rientra l'undici, l'orario quello che diceva lei. Va' bene?
C: Ah, va' bene. Va'
bene, ok.
A: Ok? c'è messo numero di
prenotazione e tutto....
C: La macchina, Giuseppe?
Per la macchina?
A: Per la macchina poi...
poi si senta col presidente
C: Eh e quando, lui...
A: O la vuole prenotata?
Non lo so, per me è come dice lei.
C: Lui che ha detto?
A: Non lo so, io a lui
non... Ora, ora ... ora ne parlo col presidente e glielo faccio sapere, va'
bene?
C: Eh, me lo faccia sapere,
perchè se no sono a piedi, poi...
A: Va' bene, ok, va' bene...
C: E' lì il presidente?
A: No, il presidente non
c'è. Dovrebbe venire, non lo so...
C: E deve venire, perche
probabilmente deve prendere a cosa...a Veronica
A: Va' bene?
C: Ok, aspetto a lei, allora,
Giuseppe
A: Ok, grazie.
Arrivederci.
C: Arrivederci

A seguire una conversazione tra CANNOVA e
sua moglie Paduano Valeria, in cui il primo confida nella possibilità che un
giorno il figlio Paolo possa lavorare per il Proto:
(VOL. II aff. 141 ss)
Progressivo n°: 6064 Data : 09/11/2011 Ora
: 16:05:38 Durata : 0:02:52
G: CANNOVA Gianfranco (CHIAMANTE)
V: PADUANO Valeria (CHIAMATA)
V: Pronto.
G: Vale..
V: Ma sei partito, dove sei?
G: In piscina... non devo collocare tutti e due prima..
V: Ma parti alle cinque?Sei in ritardo.
G: No alle cinque in aereoporto.
V: E a che ora parti?
G: Alle sette meno dieci.
V: Come?
G: Sette meno dieci.
V: Sette meno dieci?
G: Si.
V: Cioè arrivi là alle dieci... il tempo che arrivi..Arrivi a
Bologna?.. Palermo, Bologna?
G: Si si.
V: E poi a Rimini come ci vai?
G: C'è una macchina che mi aspetta.
V: Di chi?
G: Della Ditta.
V: Quale Ditta?
G: Di tua sorella... minchia.. !!!!!!!!!!
V: Quale Ditta è?
G: Sei scema?
V: Che Ditta è non lo so.
G: Quella di Mimmo.! [Domenico
PROTO]
V: Che ti aspetta, perchè lui si è portato la ditta appresso, cioè
la macchina appresso..
G: Si c'ha delle macchine affittate là..
V: E dopodichè andate lì, e poi c'è la cena e tu stasera.. allora tu
mi vuoi fare credere che tu non andrai in questi locali? Insieme a mimmo?
G: Nooo, stasera (inc.)
V: Vabbè quelli chiudono alle sei di mattina..
G: Facciamo pure la cena, infatti facciamo pure la cena..
 V: E tu mi vuoi fare credere che sei là e tu
e Mimmo da solo tu non andrai mai in questi locali?
G: Si da solo, siamo docidi persone.. da solo.c'è suo figlio, sua
figlia..
V: Suo figlio, sua figlia? E come mai?
G: Perchè se li porta, per queste cose di lavoro, se li porta.
V: Se li porta.
G: Per queste cose fuori.. che gli dice che gli servono per imparare
il mestiere.
V: Ho capito. Vabbè ci devo credere. no io non ci credo. Io glielo
chiederò..
G: Chiama a Mimmo e glielo chiedi.
V: Gianfranco prima di partire, ora ci sentiamo. Io devo andare ora
dal notaio. Va bene.
G: Infatti è probabile, probabile che poi Paolo lo mettiamo a
lavorare lì.
V: Si tu sei convinto, lo devi mettere a lavorare lì...vediamo le
cose come vanno... ancora non si sa niente... la crisi tu già pensi a Paolo
dove lo devi mettere a lavorare.
G: Sarebbe una buona oppurtunità..
V: Per ora fagli prende sto diploma...che è ancora all'inizio, ho
paura che..
G: Poi a casa, anche quando va a Catania, è a due ore di strada..
V: E lo so.. però...
G: Va là a dormire, e poi..
V: Io ho, ho obiettivi molto migliori per lui se se ne andasse in
Svizzera sarebbe la cosa..
G: Andare in Svizzera..
V: Si.
G: A fare il cameriere..
V: Vabbè, fammi posteggiare..sto andando dal notaio..ora tra un pò
ci sentiamo..


G: Ciao.

La conversazione telefonica che
segue iniziava con un’esclamazione dialettale di CANNOVA: “Agghiurno’?!”,
cui seguiva la conferma dell’interlocutore, quindi CANNOVA raccomandava PROTO
per un prossimo incontro con il Direttore Generale dell’Assessorato, Giovanni
Arnone, in quanto dal tenore della telefonata sembrerebbe che l’Arnone non
aveva gradito la visita fatta presso gli uffici dell’Assessorato da PROTO [dobbiamo
muoverci diversamente con ..con il direttore
]. CANNOVA consigliava di
farsi preannunciare la sua visita presso gli uffici dell’ARTA ” da una
telefonata preventiva
”, poi i due alludevano ad alcuni viaggi già fatti e
da farsi a Roma dal PROTO, e quindi al probabile intervento di un non meglio
identificato politico.

C: Cannova Gianfranco= Chiamato
P: Proto Domenico = Chiamante
C: Mimmo
"agghiurnò" finalmente?
P: "agghiurnò
agghiurnò"!
C: "agghiurnò"
meno male!
Dalle ore 07:55:46 alle ore
alle ore 08:01:12 omississ
C: Ah senti a proposito.
La prossima volta, e.....
P: ..si..!
C: ..dobbiamo muoverci
diversamente con ..con il direttore. Perchè ieri che eravamo assieme, mi fece
una battuta. Mi fa, si mette accanto a me e mi fa dice: "Ma quello di ieri
che mi ha salutato chi era? Io non lo conosco!" .
P: Cosa...cosa cosa?..Non ho capito!
C: Ieri....
P: ..si!...
C: ...ero assieme ad Emanuele,....
P: ..si!...
C: ...si mette accanto a me e mi fa: "Cannova ma
quello di ieri che mi ha salutato chi era? Che io non lo conosco a quello! Eh…
no… Il presidente dell'Oikos, si ricorda che aveva il problema... si, si lo so
ma io a questo non lo conosco e mi ha baciato pure! quindi la prossima volta,
siccome tutte questi..questi personaggi sono tutti spaventati, una telefonata
preventiva.
P: Ah! Certo, ho capito, ho capito|!
C: Hai capito?
P: (incompr.)
C: per evitare che
continua a fare il cretino.
P: Ah! Ha detto che non mi conosce.
C: Si!..."ma chi è ? Io a questo non lo conosco! Mi
ha salutato pure." .. lo so (incompr.)! ma io non lo conosco, dissi, gli
stavo dicendo, ma come? Ci sei andato a mangiare insieme e non lo conosci?
P: Tu digli......digli
..ricordargli di ..Roma!
C: No, Mimmo!...una
telefonata preventiva...
P: … se le scorda le cose?
C: Si, se li scorda le cose. Una telefonata preventiva
cosi la prossima volta....
P: ....la settimana prossima mi faccio prendere
l'appuntamento.
C: No! Ma infatti, il
fatto di scendere una volta a settimana, vedi che non è sbagliato.
P: Eh, no, lo sò, lo sò. Poi mi faccio ...(incompr.)...da
me.
C: Poi ho parlato
nuovamente per la questione che aveva sollevato lui ed in pratica...
P: ...si...
C: ...........il risultato dovrebbe essere che lui si
piglia la tariffa e l'a.i.a. rimane quà.
P: Ah!
C: Capito?
P: Ho capito, dai!
C: E' questa cosa
dovrebbe essere un provvedimento che poi va in giunta di governo..
P: ...ho capito.
C: Va be Mimmuzzu!
P: ottimo, ottimo,
ottimo... 

CANNOVA ben
sapeva che la carica ricoperta dal suo Dirigente Generale, Giovanni Arnone,
fosse espressione della volontà politica dell’allora Governatore della Regione
Lombardo a cui PROTO, come si vedrà nel seguito, faceva riferimento per tentare
di risolvere le sue traversie amministrative: ciò spiega perché entrambi si
auguravano che il “provvedimento” di loro interesse andasse poi in giunta di
governo.

Sibillina, e
di dubbia interpretazione rimane la frase che il CANNOVA pronunciava [il
risultato dovrebbe essere che lui si piglia la tariffa e l'a.i.a. rimane qua
]:
cosa intenda dire CANNOVA quando asserisce “Lui si piglia la tariffa
non è dato saperlo; non è emerso, infatti, dalle indagini nulla a carico
del Direttore Generale dell’Assessorato al Territorio. L’affermazione,
comunque, risulta sintomatica del modo di pensare e di intendere l’esercizio
della propria funzione da parte di CANNOVA.

Di seguito,
altra conversazione telefonica tra CANNOVA e PROTO che ribadisce il loro
continuo rapporto basato esclusivamente sugli interessi economici
dell’imprenditore catanese, che CANNOVA, in spregio a qualsiasi senso di
correttezza e probità che dovrebbe essere proprio di un pubblico funzionario,
cerca sempre di favorire.

In
particolare, CANNOVA si preoccupava di dare le opportune istruzioni a PROTO per
la trattazione delle pratiche amministrative gestite presso l’Assessorato ove
lavorava e nelle quali era personalmente coinvolto. Infatti, PROTO faceva
riferimento al fatto che era CANNOVA a “convocare” le persone, alludendo con
chiarezza alla convocazione della Conferenza dei servizi che rientrava tra le
mansioni di CANNOVA quale funzionario istruttore:

P: PROTO
Domenico
C: CANNOVA
Gianfranco
P: Gianfranco!
C: Ehilà, Mimmuzzo!!
P: Senti, rimandiamo, oggi, beddu!
C: Non ho capito, dimmi.
P: Rimandiamo oggi. Rimandiamo oggi il
pranzo.
C: Va' bene, ok.
P: Spostiamolo a domani.
C: Va' bene, come vuoi.
P: Io
domani ti porto un po' di documenti, e analizziamo a fondo quella
documentazione.
C:
L'hai letto il messaggio che ti ho mandato, poi, ieri?
P: Si,
si, si, l'ho letto e stamattina l'ho discusso, gli ho detto di preparare la
pratica, così come dico io e di non mandarla, né di là e né di là, poi sei tu
che chiami....
C: Ma
infatti, infatti. Minchia, uh... appena facciamo una cosa del genere, nell'arco
di cinque minuti lo saprebbe tutta Catania!
P:
Certo. Sei tu che chiami RACITI, chiami Tizio, chiami Caio e li convochi!
C: E
infatti! Va' bene....
P: Ok?
C: Ok
Mimmuzzo!

Ora, da tale
conversazione deve necessariamente essere messo in evidenza quel “facciamo
pronunciato da CANNOVA, che manifesta come il medesimo perseguisse pienamente
gli stessi interessi di PROTO, ed ancora la menzione ad una “convocazione
e a Raciti non lasciano dubbi sul fatto che l’argomento attenga
all’attività amministrativa afferente le prerogative del funzionario infedele. 

Si ricorda
che CANNOVA (cfr. sit di Zuccarello, vedi VOL. III aff. 6) è colui che
rappresenta l’Amministrazione Regionale nelle conferenze dei servizi, per
l’appunto “convocate”, e che il Raciti si identifica in Salvatore
Raciti dirigente dell’Assessorato Provinciale all’Ambiente di Catania.
 Dalla telefonata che segue, non può non
rilevarsi la spregiudicatezza di CANNOVA nell’ordinare al segretario di PROTO,
Giuseppe Arcidiacono, di prenotargli l’albergo “Baia Verde”, categoria 5
stelle, di Aci Castello, ove poi soggiornerà con la moglie: le spese
alberghiere saranno poi ovviamente sostenute da PROTO.
(VOL. II
aff. 188 ss)

Progressivo
n°: 9407 Data : 28/12/2011 Ora : 19:32:09 Durata : 0:01:51

C: CANNOVA
GIANFRANCO
A:
ARCIDIACONO GIUSEPPE
A:
Pronto?
C:
Giuseppe, buonasera, Cannova.
A:
Buonasera architetto, come va?
C: Bene,
grazie Giuseppe tutto a posto lì?
A: Si, si
tutto a posto.
C: Giusé
notizie del principale ne ha?
A:
Principale... oggi pomeriggio l'ho visto.
C: Non le
ha detto niente?
A: No.
C: Non le
ha detto niente. Senta Giuseppe, una cortesia mi deve prenotare... domani,
dal tre al sette con partenza l'otto.
A: Si.
C: va
bene? Glielo dica...
A:
D'accordo.
C: Che ne
abbiamo parlato.
A: Ah?
C: Glielo
dica che ne avevo parlato con lui.
A: Quindi
tre...
C: Dal
tre, tra notte al sette notte con partenza l'otto.
A: Ho
capito, ma dove?
C: Al
Baia Verde.
A: Va
bene.
C: Mi da
la conferma poi, Giuseppe?
A: Certo,
ora le do la conferma, certo.
C: Va
bene, grazie e... Giuseppe per una matrimoniale e una doppia.
A: Una
matrimoniale?
C: ... e
una doppia.
A: Va
bene, ok.
C: Ci
sentiamo dopo Giuseppe, grazie.
A:
Niente, buonasera.
C:
Arrivederci.
Il pagamento
delle spese alberghiere a carico di CANNOVA deve seguire una contabilità
separata e nascosta, in quanto il funzionario pubblico non può apparire nei
bilanci della società. Come si vedrà dal contenuto della telefonata di seguito,
erroneamente il suddetto pagamento stava per essere contabilizzate a carico
della società OIKOS, ma un’impiegata accorta della società, Grazia Marletta7,
avvedutasi per tempo dell’errore, immediatamente chiamava PROTO per riparare al
problema:


G: CANNOVA
Gianfranco (CHIAMANTE)
V: PADUANO
Valeria (CHIAMATA)
V:
Pronto.
G: Vale..
V: Ma sei
partito, dove sei?
G: In
piscina... non devo collocare tutti e due prima..
V: Ma
parti alle cinque?Sei in ritardo.
G: No
alle cinque in aereoporto.
V: E a
che ora parti?
G: Alle
sette meno dieci.
V: Come?
G: Sette
meno dieci.
V: Sette
meno dieci?
G: Si.
V: Cioè
arrivi là alle dieci... il tempo che arrivi..Arrivi a Bologna?.. Palermo,
Bologna?
G: Si si.
V: E
poi a Rimini come ci vai?
G: C'è
una macchina che mi aspetta.
V: Di
chi?
G:
Della Ditta.
V:
Quale Ditta?
G: Di
tua sorella... minchia..
!!!!!!!!!!
V:
Quale Ditta è?
G: Sei
scema?
V: Che
Ditta è non lo so.
G:
Quella di Mimmo.!
[Domenico PROTO]
V: Che ti
aspetta, perchè lui si è portato la ditta appresso, cioè la macchina appresso..
G: Si
c'ha delle macchine affittate là..
V: E
dopodichè andate lì, e poi c'è la cena e tu stasera.. allora tu mi vuoi fare
credere che tu non andrai in questi locali? Insieme a mimmo?
G: Nooo,
stasera (inc.)
V: Vabbè
quelli chiudono alle sei di mattina..
G:
Facciamo pure la cena, infatti facciamo pure la cena..

V: E tu
mi vuoi fare credere che sei là e tu e Mimmo da solo tu non andrai mai in
questi locali?
G: Si da
solo, siamo docidi persone.. da solo.c'è suo figlio, sua figlia..
V: Suo
figlio, sua figlia? E come mai?
G: Perchè
se li porta, per queste cose di lavoro, se li porta.
V: Se li
porta.
G: Per
queste cose fuori.. che gli dice che gli servono per imparare il mestiere.
V: Ho
capito. Vabbè ci devo credere. no io non ci credo. Io glielo chiederò..
G: Chiama
a Mimmo e glielo chiedi.
V:
Gianfranco prima di partire, ora ci sentiamo. Io devo andare ora dal notaio. Va
bene.
G: Infatti
è probabile, probabile che poi Paolo lo mettiamo a lavorare lì.
V: Si tu
sei convinto, lo devi mettere a lavorare lì...vediamo le cose come vanno...
ancora non si sa niente... la crisi tu già pensi a Paolo dove lo devi mettere a
lavorare.
G:
Sarebbe una buona oppurtunità..
V: Per
ora fagli prende sto diploma...che è ancora all'inizio, ho paura che..
G: Poi a
casa, anche quando va a Catania, è a due ore di strada..
V: E lo
so.. però...
G: Va là
a dormire, e poi..
V: Io ho,
ho obiettivi molto migliori per lui se se ne andasse in Svizzera sarebbe la
cosa..
G: Andare
in Svizzera..
V: Si.
G: A fare
il cameriere..
V: Vabbè,
fammi posteggiare..sto andando dal notaio..ora tra un pò ci sentiamo..
G: Ciao.
Formidabile
riscontro di quanto sopra detto è rappresentato dall’ attestazione delle spese
fatte dal Cannova Gianfranco redatta dal Direttore della struttura alberghiera
Grand Hotel di Rimini”:



Evidenti
motivi di segretezza delle indagini hanno impedito di effettuare più mirati
accertamenti, che dovranno comunque disporsi, quale l’individuazione del
televisore e degli accessori, compendio della corruzione.

La conferma
dell’intervento del PROTO nell’acquisto dell’impianto si ricava, senza nessuna
ombra di dubbio, da un passo del colloquio in auto avvenuto qualche giorno dopo
tra CANNOVA e la moglie Paduano Valeria, la quale, evidentemente a conoscenza
della corruttela del marito, esclama:

CANNOVA GIANFRANCO
successivamente indicato con la lettera “G”
PADUANO
VALERIA successivamente indicato con la lettera “P”
omissis
dall’ inizio a ore 20:21:11

P: Senti, ma Mimmo almeno
qualcosa te la esce per questa cosa che hai fatto?....Quanto? ..Te li ha dati?
..DIECI? … Meno male che c’è lui!!perche’ con questo……Quanto ti costano questi,
omissis.
G: Se ne fotte lui dei soldi.

omissis da
ore 20:21:35 sino alla fine
La cosa
che ha fatto il marito è stata l’acquisto del televisore, e PROTO ha dato (qualcosa
te la esce per questa cosa che hai fatto?
) € 10.000 (Quanto?
..Te li ha dati? ..DIECI?
), a pieno riscontro di quanto, nel corso
dell’ambientale con CANNOVA prima riportata, lo stesso PROTO diceva Eravamo
rimasti “a chisti ciamma a fare avire autri 10000 euro” in più tu gli devi
pagare la tua tv
: quindi il televisore lo ha pagato CANNOVA, l’impianto
stereo PROTO.

Si segnala
la preoccupazione della Paduano per il costo del loro tenore di vita, infatti i
due stavano proprio parlando dei costi da dover affrontare e la donna
ringraziava il fatto di poter sempre contare sull’amico catanese Meno male
che c’è lui.

L’indagine
ha permesso, inoltre, di dimostrare come la corruzione del pubblico ufficiale
abbia concretamente giovato al privato, permettendogli di assicurare alla sua
società un ingente introito di denaro.
In
particolare, la Squadra Mobile aveva modo di sentire, la prima e l’ultima
settimana di aprile 2012, alcune conversazioni tra PROTO o la sua
collaboratrice Puglisi Veronica (responsabile del piano sorveglianza e
controllo della discarica della OIKOS10) e CANNOVA particolarmente
interessanti, relative ad un guasto dell’impianto.

Nella prima
settimana si rilevava la necessità di contattare CANNOVA in quanto l’ARPA,
intervenuta sul posto per un controllo di routine, aveva constatato il fermo
impianto e chiedeva che la società facesse una comunicazione formale agli
organi di controllo, ovvero la Regione – l’ufficio del CANNOVA -, l’ARPA e la
Provincia di Catania; nell’ultima settimana si verificava nuovamente il guasto
e al solito CANNOVA interveniva per risolvere i problemi burocratici.

Poiché le
sole intercettazioni non erano in grado di far comprendere pienamente i fatti e
necessitando, di conseguenza, specifiche cognizioni tecnico-normative sulla
materia ambientale, si è ottenuta la disponibilità dei Carabinieri del N.O.E.,
che, a seguito dell’analisi puntuale delle intercettazioni e della
documentazione acquisita direttamente dalla OIKOS Spa (riguardante sia le
autorizzazioni agli impianti che il flusso dei rifiuti ricevuti/prodotti e/o
smaltiti/recuperati dalla società), ha relazionato sull’intera vicenda, come di
seguito viene rappresentato.


L’attività
di gestione dei rifiuti da parte della società OIKOS consiste nella ricezione,
per lo smaltimento definitivo, di ingenti quantitativi di rifiuti urbani
indifferenziati
, aventi codice CER12 200301, con una media giornaliera
di 700 tonnellate, prodotti dai Comuni della Sicilia orientale ed ivi conferiti
dagli A.T.O. (Ambito Territoriale Ottimale)13 e/o da società incaricate.

Gli stessi
rifiuti, prima del loro smaltimento definitivo in discarica, devono essere
sottoposti ad un’operazione di selezione/trattamento, conformemente al D.lgs.
n°36/200314.

La società
OIKOS Spa11, con sede in Motta S.Anastasia (CT), gestisce gli impianti,
complementari tra loro:

- di pretrattamento/selezione,
denominato (IPPC)
- di
discarica per rifiuti non pericolosi
entrambi
siti in contrada Tiritì del Comune di Motta S.Anastasia.

Un’ulteriore
esigua quantità di altre tipologie di rifiuti (rifiuti proventi dalla pulizia
delle strade) viene invece conferita, sempre dagli A.T.O. e/o società
incaricate, per essere smaltita direttamente nella stessa discarica, senza
alcun obbligo di preventivo trattamento.

Per lo
smaltimento di tutti i rifiuti ricevuti, la società OIKOS applica, nei confronti
dei conferitori (A.T.O. e società di privati) e a seconda della destinazione
dei rifiuti (verso l’impianto di trattamento o direttamente in discarica), due
distinte tariffe: quella relativa al trattamento preventivo, pari a € 72,57
a tonnellata
, e quella relativa allo smaltimento definitivo in discarica,
pari a € 9,25 a tonnellata.

Nel corso
del primo sopralluogo del 24 maggio 2012 (VOL. III aff. 592 ss) veniva
accertata, in una porzione d’area della discarica, la presenza di rifiuti la
cui tipologia non era consentito conferire ai sensi dell’art. 7 d.lgs. 36/03, o
meglio:

- alcuni
rifiuti che necessitavano in forza della loro tipologia, di essere sottoposti a
pretrattamento, che non avevano, invece, sostenuto;
- altri rifiuti
(per esempio traversine in cemento armato, materiale in legno, plastica e
ferro, vedi foto da 21 a 25, VOL. III aff. 600-601) non potevano invece
proprio essere smaltiti in quella discarica, perché per tale tipologia è
necessario uno specifico pretrattamento con un impianto particolare, di cui la
società OIKOS non dispone, per il successivo conferimento in discarica per i
rifiuti inerti.

Le deduzioni
fondate erano: 1) che non tutti i rifiuti transitassero dall’impianto di
trattamento preliminare; 2) che non si attuassero idonee misure di sorveglianza
e verifica dei flussi di rifiuti in ingresso; 3) che consapevolmente si
smaltissero in discarica tipologie di rifiuti non consentite.
Veniva
acquisita quindi la documentazione ambientale ed in particolare i registri di
carico e scarico e le bindelle di pesa.


Nella stessa
giornata CANNOVA conversava all’interno della propria autovettura con la
moglie, Paduano Valeria, riferendole che la Polizia in mattina era stata nel
suo ufficio, acquisendo documenti inerenti la società del Proto. La Paduano si
mostrava molto preoccupata di un probabile arresto del PROTO e consigliava il
marito di limitare i loro soggiorni presso l’Hotel Baja Verde, temendo che
possibili intercettazioni potevano svelare che tali soggiorni fossero sempre
interamente spesati dal PROTO (come poi effettivamente già è stato accertato);
la Paduano rimproverava, infatti, il CANNOVA di essere sin troppo leggero,
raccomandandogli maggiore cautela:

(VOL. II
aff. 25 ss)
numero
progressivo n°2674, nel brogliaccio di ascolto delle relative operazioni
tecniche, registrata alle ore 16.00 del 29/05/2012, durata 60 minuti.

CANNOVA
GIANFRANCO successivamente indicato con la lettera “G”
PADUANO
VALERIA successivamente indicato con la lettera “P”
omissis
dall’ inizio a ore 16.55.59

P: Io mi spavento.. io ti ho sempre
detto stai attento con Mimmo
(ndr Proto Domenico) perché io sono sicura che
lui ha troppe attività, troppe cose, io..eee.. quando una prende soldi
facili, prima o poi le paghi…
G: Ma che vuoi dire?
P: A me dispiace per lui ma
prescindere perché con noi si è sempre comportato bene.
G: Che vuoi dire non ho capito..
P: Che mi spaventa l’arresto..
G: Spaventati!
P: Che hai i cazzi pure tu,
cominciano a fare.. ci sono intercettazioni che andiamo al Baia Verde, andiamo
qua.. andiamo là.. anche ste cose, io proprio oggi pensavo mi sarebbe piaciuto
andare a Taormina, ora anche ora, a Capo Taormina, però ci dobbiamo un po’
limitare, tu sei troppo leggero nelle tue cose.
G: Limitati, ci vado solo!
P: Dove?
G: A Capo Taormina.
omissis da
ore 16:56:50 sino alla fine
CANNOVA,
nella conversazione immediatamente successiva, spiegava alla moglie l’escamotage
utilizzato dal PROTO per i pagamenti delle spese da loro sostenuti presso i
vari Hotel.

Secondo
lui, per mascherare siffatti pagamenti presso le strutture alberghiere, PROTO
userebbe la carta di credito di una sua

impiegata,
Grazia Marletta, ma si sbaglia, come già accertato prima: i pagamenti alle
strutture ricettive o per i viaggi del CANNOVA sono sempre stati eseguiti
tramite bonifico bancario dalla Oikos S.p.a. o direttamente con carta di
credito del PROTO:

CANNOVA
GIANFRANCO successivamente indicato con la lettera “G”
PADUANO
VALERIA successivamente indicato con la lettera “P”

omissis
dall’ inizio a ore 23.02.23

P: Ma il mio problema coi costumi
sai qual è, è che ne ho due milioni per andare quando a mare.
G: Vuoi andare da Giglio?
P: Si. Li uso solo quando vado
Baia Verde, quando vado a Taormina, quest’anno ce lo facciamo almeno un fine
settimana a Taormina, all’Atlantis al coso, chi vuole venire viene. Non me ne
fotte niente. A spese di Mimmo [!!!!!!!!!!!!!!!!]. Con te parlo.
G: Vale anche se le cose
diventano sempre più difficili, perché dice che ora ti controllano pure..
P: .. Cosa?
G: Le vacanze. Dove le fai.
P: Va bè un, ma noi ce li abbiamo
le nostre entrate siamo sempre là, che fa’ non le abbiamo io ho tutto
dichiarato, tu magari ma tu hai a me, hai la villa che già è dichiarata,
abbiamo la nostra professione..
G: Valeria intanto ti controllano e
poi ti giustifichi..
P: Ma infatti io, se vuoi
risparmiare qualcosa, ma tu infatti, è Mimmo che se paga non deve dire,
figurare perche sennò t’inchiummano! [!!!!!!!!!!!!!!!!]
G: Mimmo non paga mai.. con carte
Oikos o cose varie..
P: .. e con le sue personali non
è peggio? [!!!!!!!!!!!!!!!!]
G: Gliela dà , gliela dà a quella
come si chiama..
P: Con quella sua personale non è
peggio?
G: No ma quale personale.. gliela
dà a quella, la sua impiegata quella..
P: Si ma la sua impiegata..
G: Come si chiama Nancy..
P: .. Non lo so chi è..
G: Quella di là.. l’hai vista..
P: Si ma, cioè gli dà la carta di
credito dell’impiegata?
G: Gli fa’ pagare con la sua carta
di credito e poi Mimmo gli restituisce i soldi.
P: Si ma non ha senso, un
impiegata come se lo permette di pagare una vacanza do 6000 euro per una
settimana? Perché tanto noi consumiamo.. [!!!!!!!!!!!!!!!! Seimila euro a
settimana]
G: Lo può fare.
P: Un impiegata lo può fare? Perché
quanto guadagna?
G: Lo può fare nel senso che è la
Ditta che le offre il premio del soggiorno.
P: Mi sembra una stronzata. E se
questa un giorno se la canta come quella di Bossi? Lui non deve dare..lui non
deve dare..
G: Questa.. ma stai scherzando..
P: Ma chi è quella incinta, che era
incinta.. ?
G: No quella grossa Nancy, Grace,
Grace.. ecco!
P: Ma io questa non l’ho mai
conosciuta?
G: Si l’hai conosciuta..
P: Va bè ma anche quando, tu,
scusami, tu non puoi far figurare che gli hai fatto lavori.. che tu.. cioè per
forza deve essere come..
G: La Finanza comincia a controllare
pure le vacanze dove si fanno, un cinque stelle..
P: E le scuole. E le scuole..
omissis da
ore 23:04:54 sino alla fine

A
proseguire, nella medesima conversazione, innocentemente la Paduano affermava
che il marito era completamente stipendiato dal PROTO e aveva paura che il loro
alto tenore di vita, a seguito di un possibile arresto del PROTO, potesse
subirne gravi conseguenze.

Singolare è
che la donna non si pone alcun problema relativamente alla condotta del marito
e alle possibili conseguenze penali.



Anche
CANNOVA ammetteva alla moglie di essere assolutamente dipendente, dal punto di
vista economico, dal PROTO; poi, per tranquillizzarla, sosteneva che qualora
fosse venuto a mancare l’apporto economico fornito dal PROTO, avrebbero
alienato unità immobiliari della moglie.

Si intuisce
che i due hanno un forte bisogno di denaro poichè stanno progettando l’acquisto
di una casa il cui valore economico supera il milione di euro.

CANNOVA
GIANFRANCO successivamente indicato con la lettera “G”
PADUANO
VALERIA successivamente indicato con la lettera “P”
omissis
dall’ inizio a ore 17.08.54

P: Chi è che ti ha chiamato,
Gianfranco?
G: L’ingegnere Zuccarello..
P: E che ti ha detto?
G: Che c’è la Procura ancora là..
P: E ti ha detto di andarci?
G: Si. Dice ma le avevo detto di
venire dopo avere preso i ragazzi da scuola..
P: Ma questo ancora non se ne è
andato?
G: Ma veramente no..
P: Ma che sei ai suoi ordini? Ma
questo ancora non se n’è andato?
G: E il responsabile sono io..
anzi..
P: Io vorrei capire una cosa, allora
noi dove stiamo andando adesso?
G: In Agenzia..
P: Si dov’è? Dov’è?
G: Via Autonomia Siciliana..
P: Qui.. a due passi..bene allora io
dico questo, a maggiore ragione che c’è pure questa cosa di Mimmo, come
facciamo fronte ad una spesa del genere?
G: Qual è il nesso fra Mimmo e
questa..
P: Che Mimmo ti dava soldi!! E
con questo ti aiutava a pagare..
G: E perché non me li dà più?
P: Gianfranco se Mimmo c’ha un’
indagine, una cosa, lo arrestano..
G: Ma che arrestano!!! Ma che
dici!!
P: Ma tu sei sicuro che Mimmo è
pulito?
G: Per Favore.
P: Ma tu sei sicuro che Mimmo è
pulito?
G: Sarà sicuramente uno strascico
di quello che è successo… certo che è pulito perché c’ho le indagini.. le cose
antimafia a casa, le le… in ufficio… le informazioni antimafia.
P: Va bè quanti ce ne sono che
c’hanno le informazioni antimafia e tutto insieme leggi nel giornale che
l’hanno arrestato?
G: Noi abbiamo informazioni
atipiche se ci sono procedimenti in corso noi lo sapp.. siamo i primi a
saperlo.
P: Io ti dico sempre Gianfranco, di
essere prudente, è un campo brutto, non solo bisogna..
G: E po ti sto dicendo che sto
lavorando per essere indipendente da Mimmo.
P: Si ma stai lavorando… perché
tu sei dipendente da Mimmo, scusa?
G: Per ora si!
P: Perché?
G: Però se Mimmo si ferma,
minchia,
P: Attento
G: Tutti i fondi… vengono messi
in crisi
.
P: Si ma comunque Mimmo o non
Mimmo… il discorso è uno, stai lavorando o non stai lavorando non sono cose che
arrivano da un momento all’altro.
G: Ma anche… anche quando, ammesso e
non concesso noi, ti ho detto, abbiamo i rimedi di come fare.
P: E quali sono?
G: Via Ausonia e Mondello.
P: No. Cioè che ci andiamo a
vendere quattro case?
G: Possiamo valutare tutto.
P: …incomp… dopo che io ho
faticato per avere quello che ho… non solo mi devo vendere via Cadorna e… e via
casa…. Via Monti Iblei, mi vendo pure Mondello.
G: Ma prendiamo…
P: Ma stiamo scherzando?
G: Ma se siamo in crisi ti tieni
tutte cose e rimaniamo in crisi?
P: C’era scritto LI VORSI?
G: Vendiamo Mondello…
P: L’hai letto LI VORSI?
G: Si.
P: Ma Mondello ti sembra così facile
vendere ora?
G: L’anno scorso…
P: Perché una vuole vendere piglia e
vende?
G: Questa tipologia di casa si.
P: Va bene.
G: L’anno scorso hanno avuto una
perdita di 4 milioni di euro LI VORSI.
P: Lo so.
G: Hanno deciso, ci mangiamo i soldi
che abbiamo.
L’interesse
poi per l’acquisto di una casa emerge anche dalla trascrizione della
conversazione ambientale, tra CANNOVA e la moglie, che segue, ove la Paduano
chiedeva al CANNOVA se avesse altri 50.000 euro da dare “in nero” al
costruttore: denaro che la moglie suggeriva, in caso di verifica fiscale, di
far emergere dall’affitto della villa di Mondello, in quel momento locata al
giocatore di calcio del Palermo, Barreto Edgar:
(VOL. II
aff. 23 ss)
numero
progressivo n°2611, nel brogliaccio di ascolto delle relative operazioni
tecniche, registrata alle ore 01.00 del 27/05/2012, durata 60 minuti.
CANNOVA
GIANFRANCO successivamente indicato con la lettera “G”
PADUANO
VALERIA successivamente indicato con la lettera “P”
omissis
dall’ inizio a ore 01.40.54
P: Tu devi
farti un conto corrente, dove metti i soldi del.. un conto corrente una cosa a
parte, dove metti i soldi della villa… un domani ti troverai…di Barreto, un
domani ti troverai un gruzzolo e tocchi gli altri, le altre cose, non puoi
mettere fondo sempre a questi 3 mila euro.. perché tu ci devi pagare il mutuo e
l’altra metà te li metti da parte, mi senti quello quando parlo? Eh che ho
detto?
G: Che parte del mutuo poi rivediamo
la questione…
P: Perchè ancora non è partito il
mutuo della villa?
G: Abbiamo fatto mutuo per la villa?
P: A maggior ragione mettendoteli da
parte…
G: Per fare il mutuo devi fare
l’atto..
P: Ma già in un anno non hai
50.000 euro in più da dargli a questo? Eh..
ce li hai? Te li sei messi
da parte?
G: Certo, li sto mettendo…
P: … sicuro? E quando glieli dai?
G: A questo chi?
P: A questo del costruttore.. a
questo che gli devi pagare la casa.. che gli hai dati soldi in nero.. non
glieli puoi dare altri 50? Che sono quelli di Barreto che ti ha dato in un
anno, è una anno ormai..
G: No Vale…
P: Ma perché.
G: Perché la casa dobbiamo
dichiararla per forza 300.. perché al di sotto, non diventa più credibile.
P: Quindi in nero non gli puoi
dare più niente?
G: Non diventa più credibile.

I suddetti elementi
di prova forniscono, per l’attendibilità delle dichiarazioni, definitivo
riscontro alla piena integrazione del reato contestato e prova dell’allarmante
danno sociale provocato dal patto scellerato tra CANNOVA e PROTO

In occasione
dell’invito fatto all’ing. Zuccarello Natale dalla Polizia per il giorno 01
giugno 2012, al fine di essere sentito a sit, questi, prontamente chiamava
CANNOVA per chiedere informazioni.
Emerge che
lo Zuccarello, sovraordinato rispetto al CANNOVA, non ha assolutamente alcuna
idea sulla situazione della discarica di C/a Tiritì dell’OIKOS, e che CANNOVA
ha buon gioco nel confondergli le idee.


G: Cannova
Gianfranco
V: Paduano
Valeria
Omississ
dalle ore 20:34:20 alle ore 20:35:35
Poi:
V: Con
Paolo ora parliamo....
G:
Salutalo a Mimmo ora se ne va.
..
V: Come?
G: Salutalo..salutalo...
V: Cè
Mimmo? a casa?
G: Si!
V: Ah! Tu
eri a casa con Mimmo?
G: Si!
V: Eh...perchè non ci mangiamo una
cosa fuori?
G: Perchè c'è un altro appuntamento e
quindi non sa a che ora si
sbriga.
V: Lui, ha un altro appuntamento. Ho
capito. Senti una cosa. Digli che aspetta che sto arrivando......Ehi! lo voglio
salutare. Mi senti Gianfranco?
G: Si!...mi stava dicendo che potrebbe
pure rimanere...
V: Potrebbe pure rimanere?
G: Uhm!
V: Se lui rimane possiamo andarci a
prendere un boccone. ma una cosa così niente di informale.
G: No anche perchè non può fare tardi.
V: A loro gli prendiamo due cose al Mc
Donald e noi ci andiamo a
mangiare una
cosa fuori
G: Va bene!
V: Ma anche un'insalata.....ah?
G: Va bene!....va bene ora mi
organizzo in questo modo. dai!
Omississ
dalle ore 20:36:41 alle ore 20:38:24







AIA, ANZA', ARNONE, CANNOVA, CROCETTA, EOLICO, FRI EL MAPI SRL, GULLO ITALCEMENTI, LO BELLO, M&A RINNOVABILI SRL, MARINO, MONCADA, PADUANO, SANSONE, TAR PA 2451 2011, TAR PA RICORSO 1514 2010, TOLOMEO, ZUCCARELLO,
REGIONE, BANCOMAT DELLA CORRUZIONE: IN UN ANNO CENTO MILIONI DI TANGENTI

Nessun commento: